Saluzzo: nasce il vino “Pelaverga del Vescovo”

MonsignorBodo omaggia i relatori del Convegno Diocesano con un’etichetta special

0
251

Svetta lo stemma episcopale sulletichetta del Pelaverga del Vescovo, unedizione speciale del classico rosso delle colline saluzzesi, prodotto a Castellar in edizione speciale per Monsignor Cristiano Bodo dallazienda agricola di Marco Occelli che fa riferimento al Consorzio Colline Saluzzesi.

È lo speciale omaggio che il Vescovo di Saluzzo ha voluto per i relatori del Convegno Diocesano che si tiene in questi giorni in Duomo, giovedì 16 e venerdì 17 settembre, sul tema della costituzione delle fraternità pastorali e sui ministeri laicali.

Un omaggio per gli ospiti di Monsignor Bodo, nato ripercorrendo la storia stessa della Diocesi, quando nel Cinquecento (dopo la morte del Marchese Ludovico II di Saluzzo), la moglie Margherita di Foix Candale assunse la reggenza dello Stato, esercitando dal 1504 al 1528.
Ricordata per la sua abilità nellamministrazione del governo e per il lustro che seppe dare al Marchesato dal punto di vista artistico e culturale, la Marchesa lasciò memoria di sè anche per il ruolo che proprio il vino Pelaverga ebbe nella sua diplomazia.

Secondo la testimonianza di Giovanni Andrea Saluzzo, signore di Castellar e Paesana, autore di un diario intitolato Charneto in cui descrisse avvenimenti compresi tra il 1482 e il 1528, questo storico vino prodotto nella Valle Bronda, fu al centro del tentativo di Margherita di ottenere una Diocesi per il Marchesato, inviandone alcune botti allallora Papa Giulio II.
Lassassggio fu talmente gradito al Pontefice che, secondo la cronaca del Charneto, ne ordinò trenta botti per ogni anno, destinati alle sue personali cantine. Questo gradito omaggio avrebbe aiutato Margherita a convincere Giulio II a concedere la cattedra episcopale alla città di Saluzzo che dal 1511 divenne sede della Diocesi.

Oltre allastuta diplomazia di Margherita, secondo le cronache dellepoca pare dunque che la nascita della Diocesi sia stata aiutata anche dalleffetto del Pelaverga!
Con alcuni vinicoltori, in particolare Marco Occelli di Castellar, Monsignor Cristiano Bodo ha deciso di recuperare e utilizzare il marchio Pelaverga del Vescovo per ricordare questo episodio. Marchio che sarà utilizzato per doni e riconoscenza a nome della Diocesi ai suoi ospiti.

Il vino, anche nella versione rosato, è in vendita presso lenoteca La Botte Gaia a Saluzzo, accanto al Duomo, e presso la società agricola produttori Pelaverga Castellar (produttoripelaverga@gmail.com).

c.s.