Langhe Roero Basketball, colpo in entrata: ecco Daniel Alexander Perez

Ufficializzato l'arrivo della guardia di origine dominicana: "Cercavo proprio un posto così per rilanciarmi"

0
176

Langhe Roero Basketball è lieta di presentare Daniel Alexander Perez, nuova guardia della S. Bernardo Abet che affronterà il campionato di Serie B 2021-22!

Profilo
Guardia del 1997 di 186 cm e 92 kg di origine dominicana, è un giocatore esplosivo e talentuoso. Cresciuto nelle giovanili di Rimini, debutta in prima squadra a 17 anni in Serie B nel 2013-14. Nelle due seguenti gioca ancora in riviera romagnola per poi volare a Scafati in A2 nel 2016-17, anche se chiuderà poi la stagione a Omegna (Serie B). Successivamente si trasferisce a Desio, tappa di passaggio prima del suo sbarco all’Urania Milano, con cui conquista la promozione in A2 vincendo i playoffs di Serie B 2018-19 (superando nel primo turno l’Olimpo Basket). Il suo percorso si completa con le esperienze a Costa d’Orlando e Mestre (Serie B). Nell’ultimo anno ha dovuto fare i conti con un intervento al ginocchio che ne ha condizionato il rendimento e la possibilità di giocare, ma vestirà i nuovi colori in cerca di riscatto. Nel 2019-20 tra Capo d’Orlando e Mestre ha collezionato rispettivamente 7,5 e 9,3 punti ed 1,3 e 1,7 assist.
Nella prossima stagione arriva a ricoprire il ruolo chiave di guardia di Langhe Roero Basketball.

L’intervista
Langhe Roero Basketball sarà una nuova sfida per Daniel Perez, per tornare ad alti livelli dopo i problemi fisici della passata stagione: “Qui c’è una Società che lavora bene e permette di esprimersi al meglio. Cercavo proprio un posto così, per rilanciarmi, dato che arrivo da un periodo di alti e bassi dopo l’intervento al ginocchio. Vengo qui per lavorare sodo e cominciare a migliorarmi. Ogni campionato è una storia a sé e quello di quest’anno vedremo più avanti come andrà, ma affronto ogni stagione a muso duro e così sarà anche questa volta. La squadra sarà giovane ed energica e secondo me possiamo toglierci delle belle soddisfazioni, nell’ambientarci ci aiuteranno i ragazzi che sono qui già da diversi anni. La cosa più importante sarà diventare subito squadra dentro e fuori dal campo, è un primo passo fondamentale. Inoltre spero che le partite siano a porte aperte perché mi piace divertirmi con il pubblico e scaldarlo. Intanto per ora posso dire che ho ottime sensazioni e sono sicuro che ci divertiremo!”