Grazie all’Atl telecamere puntate sulle bellezze del Cuneese

Valle Maira, Valle Stura, Terre dei Savoia e Monregalese hanno interessato le tivù nazionali

0
121

Occhi puntati sul Cu­neese: alcune troupe di importanti testate nazionali si sono coordinate con l’Atl del Cuneese per l’organizzazione delle riprese di note trasmissioni e rubriche.
Ad iniziare con Mediaset, ospite dell’Atl per due giorni in Valle Maira. Grazie alla collaborazione di Confagricoltura Cuneo e del Consorzio Turistico Valle Mai­ra, il giornalista Marco Ot­tavio Gra­ziano è stato accompagnato alla scoperta degli angoli più suggestivi e remoti della valle occitana, incontrando allevatori di razza bovina Piemontese e operatori del turismo che, grazie alle loro attività, mantengono un importante presidio montano e offrono ai turisti la possibilità di vivere esperienze all’aria aperta, go­dendo dei colori e dei profumi di una natura incontaminata. Filo conduttore dei video realizzati, che andranno in onda nei prossimi mesi su Italia 1 nell’ambito della rubrica Mag di Studio Aperto, la Valle Maira e i suoi mestieri itineranti.
«Attravero queste riprese», sottolinea il presidente del Con­sorzio Turistico Valle Maira, Giovanni Neyrone, «abbiamo avuto l’occasione di mettere in mostra e presentare al pubblico italiano tutte le peculiarità del nostro territorio che è assai conosciuto all’estero e che ha tutte le carte per conquistare i nostri connazionali in nome dell’unicità e dell’autenticità, espressione e valore della nostra ospitalità».
«Una valle che ha davvero mantenuto tutte le caratteristiche più nobili del paesaggio montano, preservato con attenzione ed estrema dedizione da una serie di malgari, che hanno nello spirito familiare e nelle nuove generazioni lo sguardo illuminato e vincente verso il furturo dell’agricoltura. L’esempio di giovani così appassionati, così legati alle tradizioni e alle abitudini della montagna è da preservare e far conoscere. È il messaggio concreto che con questo spirito, l’agricoltura non finirà», sottolinea Roberto Abellonio, direttore Confagricoltura.
Tappa in pianura con il live tour di Lonely Planet proposto da VisitPiemonte – Dmo e ospitato dall’Atl del Cuneese. La troupe ha apprezzato la visita al Mùses – Accademia delle Essenze di Savigliano per poi godere del nuovo percorso di visita del Castello Reale di Racconigi “Vita privata di un re”. Le visite sono state coordinate in loco dall’Atl con Le Terre dei Savoia, Comune di Savigliano, Comune di Racconigi, dalla Direzione Regionale Musei Piemonte e Yeg! Your Event Group.
«La parola d’ordine del post Co­vid sarà internazionalizzazione», ha rimarcato Valerio Oder­da, presidente de “Le Terre dei Sa­voia”, «e sono sempre più convinto che le peculiarità e le caratteristiche di questa area del Cuneese siano tali da poter rappresentare un prodotto straordinario nel quadro turistico mondiale. Serve, a tal proposito, maggiore consapevolezza, so­prattutto da parte degli operatori e delle istituzioni e penso che incontrare soggetti del mondo della comunicazione di questa caratura e valore sia un indispensabile stimolo a fare di più e meglio, ma soprattutto ad ampliare la gamma delle offerte». I materiali prodotti verranno veicolati sui canali social Lo­nely Planet a partire dal prossimo autunno. Giovedì 22 luglio le telecamere Rai hanno invece ripreso un primo assaggio di Monregalese per la trasmissione Linea Verde Tour. Protagonista del viaggio la conduttrice Giulia Capocchi con l’esperienza Ma­gnificat a Vicoforte e con un goloso tour nella città di Mon­dovì.
«Ospitare a Mondovì la troupe di Linea Verde è stato un piacere e un’opportunità», ha dichiarato Paolo Adriano, sindaco di Mondovì. «Linea Verde è nei palinsesti Rai fin dai primi anni ‘80, il che rappresenta una garanzia sul seguito che ha tra i telespettatori. Un interesse che Mondovì non mancherà di intercettare, quando, nei mesi prossimi, i suggestivi scorci andranno in onda. Dalle mongolfiere, al barocco piemontese, dall’outdoor, all’enogastronomia: il nostro è un bouquet di eccellenze, tra mare e montagna, che i visitatori devono solo cogliere e gustare. E Linea Verde è una vetrina perfetta. Particolarmente significativo, poi, che le riprese, programmate da VisitPiemonte e coordinate dall’Atl Cuneese e Kalatà, a cui va il nostro ringraziamento, intervengano in un momento in cui siamo chiamati a guardare con rinnovata speranza al futuro: aver destato l’interesse di Linea Verde dimostra che nel binomio Mondovì-turismo c’è sostanza e non solo parole».
Seguiranno, a fine estate, ulteriori riprese con il conduttore Federico Quaranta. Le riprese sono state programmate da VisitPiemonte, Dmo e coordinate in loco dall’Atl del Cuneese con il supporto del Comune organizzativo di Mondovì e di Kalatà. Le immagini andranno in onda su Rai 1 a settembre.
«Il lavoro con le redazioni è costante e siamo felici che il Cuneese possa ritagliarsi uno spazio sempre più importante sui media nazionali. A luglio abbiamo ospitato anche una troupe di Sky per la registrazione di una puntata di Icarus Ultra dedicata alla Valle Stura, focalizzando l’attenzione sulle nostre montagne autentiche», dichiara il Presidente dell’Atl del Cuneese, Mauro Bernardi.