Atletica: il monregalese Valter Cerri è 13° ai Nazionali di Grosseto

0
111

Per il secondo anno consecutivo è stato Grosseto ad accogliere i Campionati italiani Juniores e Promesse di atletica, da venerdì 11 a domenica 13 giugno.

Sono stati assegnati gli 82 titoli in palio per le categorie under 20 e under 23, in un appuntamento ancora più partecipato rispetto alla scorsa stagione. Stavolta infatti il programma è stato completo, anche con le gare più lunghe di mezzofondo e di marcia che non erano inserite nella scorsa edizione: più di 1800 atleti iscritti per oltre 2500 presenze-gara, in rappresentanza di 323 società.

Lo stadio “Zecchini”, con il campo scuola intitolato alla memoria di “Bruno Zauli”, abituato ad ospitare eventi internazionali ha “assorbito” e gestito ottimamente i numeri elevati dei partecipanti, attendendosi ai previsti protocolli “Covid”. E’ stata la 64esima edizione della serie per gli under 20 e la 34esima riservata agli under 23. L’Atletica Mondovì – Acqua S Bernardo si è presentata al via nastri di partenza con Valter Cerri accompagnato dal tecnico Lorenzo Terreno.

Cerri, alla sua prima esperienza ad un campionato italiano assoluto, forse tradito dall’emozione, non ha saputo esprimersi sui suoi livelli incappando in una controprestazione nel salto in lungo sui cui erano maggiormente riposte le ambizioni di risultato.

La finale a otto era ampiamente alla sua portata, ma il dover centrare il salto “giusto” con solo 3 tentativi a disposizione, non ha aiutato Valter che si è trovato in difficoltà nella ritmica della rincorsa: il migliore tentativo è stato misurato a 6,44 metri, ma i troppi i centimetri regalati nella chiusura, lo relegano al 20° posto.

Meglio invece nel salto in alto, specialità in cui è sceso in pedana nella giornata di domenica: percorso pulito fino al 1,91 metri con l’ostacolo posto a 1,96 rimasto però insormontabile.

Alla fine della gara, vinta con la misura di 2,08 mt, la classifica dice 13° posto per l’alfiere monregalese, che sulla pista di casa, domenica 20 giugno al Meeting di Primavera, sarà impegnato nel salto in lungo per cercare i 7 metri.

“E’ sempre difficile riuscire a centrare la prestazione nel momento clou – spiega il tecnico Lorenzo Terreno – come possono essere, nel caso di Valter, i Campionati Italiani. La pressione, l’emozione, il contesto di grande manifestazione tutto è parte di quel bagaglio di esperienza ci si costruisce nel tempo. Oggi i risultati (puntavamo alla finale del salto in lungo) non sono arrivati, ma tutto questo gli servirà per il futuro”.

c.s.