Pier Angelo Calandra si presenta al Boves MdG: “Progetto serio, qui per lavorare sui giovani”

Una stoccata al Cuneo: "Promesse non mantenute: aspettiamo ancora adesso che ci venga detto in faccia che il progetto è saltato"

0
651

Tra le tante novità di questa parte finale di primavera già fortemente segnata da ufficializzazioni e cambiamenti verso la stagione 2021/22 (si spera finalmente completa) del calcio regionale, un ruolo di rilievo è occupato dall’approdo di Pier Angelo Calandra al Boves MdG.

Una scelta forte, quella della società rossoblù, che ha scelto di affidarsi ad un tecnico in grado di gestire sia la prima squadra che coordinare il settore agonistico.

Proprio l’allenatore ex Cuneo si presenta così: “Ci siamo incontrati e ho visto una società strutturata per poter crescere, che aveva bisogno di una figura disponibile ad occuparsi della prima squadra tenendo fortemente in considerazione il settore agonistico e i giovani prodotti da quest’ultimo. Il mio obiettivo pluriennale sarà proprio quello di dare un’impronta alla squadra, costruendo un mix di giovani ed esperti che possa proseguire il lavoro avviato da Parola”.

Sulla sua scelta, nessun dubbio: “Non ho mai guardato la categoria, anche perchè con l’Olmo, dove rimasi molti anni, partii proprio dalla Prima Categoria per centrare poi un doppio salto. Qui il percorso sarà diverso e più ampio, ma conto di fare qualcosa di importante anche con questi colori”.

Infine, una stoccata al Cuneo: “Non ho nessun rimpianto, perchè credo che io e i miei collaboratori abbiamo fatto tanto nei due anni di lavoro sul campo, ripartendo dalla Terza Categoria e dedicando tanto tempo ad una realtà in cui credevamo. Purtroppo, non c’è stata risposta dalla dirigenza: abbiamo saputo dai giornali che era stato acquisito un marchio e ancora adesso stiamo aspettando che qualcuno ci dica di persona che il progetto avviato due anni fa è totalmente tramontato. Spiace soprattutto per i ragazzi e per le promesse che erano state fatte loro e che non sono state mantenute, ma ora voltiamo tutti pagina e ripartiamo”.