Festival dello Yoga il 5 e 6 giugno a Bra

0
410

Due giorni per riconnettersi con sé stessi e la natura e ritrovare il proprio, personale punto di equilibrio. Oltre che per sperimentare gratuitamente differenti esempi di pratica yoga, grazie alla presenza di insegnanti braidesi e piemontesi.

Il Festival dello Yoga, in questa sua terza edizione, in programma il 5 e 6 giugno nel parco della Zizzola a Bra, si presenta con una finalità – diffondiamo la cultura del benessere – che promette di rispondere appieno alle necessità di una società stremata da mesi di lockdown e preoccupazioni sanitarie ed economiche.

A promuovere la manifestazione è l’associazione braidese Orora, nata nel 2003, con l’intento di promuovere la consapevolezza, lo sviluppo e il benessere delle persone, oltre che diffondere una visione olistica della persona nel campo della medicina, dell’antropologia, della psicologia e dell’arte.

Stupore, armonia e acquisizione di consapevolezza, ecco tre concetti chiave di questa terza edizione del Festival dello Yoga, che si rivolge a tutte le persone interessate a conoscere e a sperimentare, anche per la prima volta, questa antica e affascinante disciplina.

Irene Ciravegna, cofondatrice e vicepresidente di Orora, illustra: «Differenti sono gli approcci formativi alla pratica yoga, ma comune è l’approccio olistico alla vita e la ricerca di una profonda consapevolezza di sé e della propria connessione con la Natura e con gli altri. Attraverso il Festival dello Yoga, vorremmo creare un’occasione di condivisione tra varie scuole braidesi, nel rispetto reciproco, valorizzando un clima di collaborazione, in piena coerenza, d’altronde, con le finalità dello yoga»

«Questa impostazione», prosegue Ciravegna, «permetterà al pubblico di sperimentare gratuitamente e nella stessa sede numerosi e differenti tipi di Yoga, presentati da maestri che normalmente non operano nello stesso luogo, e consentirà di scegliere la pratica più consona alle proprie caratteristiche fisiche e culturali».

Non occorrerà avere avuto esperienze precedenti di pratica yoga per partecipare ad alcuni dei seminari gratuiti che compongono il calendario del Festival. Sarà sufficiente portare con sé un tappetino o un asciugamano e aver maturato il desiderio di sperimentare e di aprirsi a guardare sé stessi e il mondo con una nuova consapevolezza.

Altri come lo yoga astanga, l’acroyoga e il vinyasa, pur gratuiti, saranno invece rivolti a persone già avviate alla pratica.

La prenotazione sarà gradita telefonando ai numeri 328-0078053 oppure 333-6007966 o scrivendo una e-mail a info.orora@gmail.com

Dal settembre 2019, quando il Festival dello Yoga era solo uno dei molti eventi organizzati ai Giardini della Rocca, la manifestazione è cresciuta in maniera esponenziale, forte della positiva risposta di 12 insegnanti di Bra (presenti il sabato), di Torino, Cherasco e Carmagnola (presenti alla domenica), oltre che dei consensi di pubblico ottenuti anche nel 2020, nonostante il difficile periodo segnato dall’emergenza Covid.

A precisare le novità 2021 è ancora Irene Ciravegna: «Quest’anno il Comune di Bra ci ha concesso il suo patrocinio, abbiamo ottenuto la preziosa collaborazione organizzativa dell’Ufficio turistico e abbiamo cambiato sede. Il parco della Zizzola è molto adatto alla pratica yoga per il suo ampio spazio pianeggiante e per il suo carattere raccolto. Per raggiungerlo è necessaria una piccola passeggiata, ma lo sforzo è ampiamente compensato dalla bellezza del luogo….e il percorso nel verde ci aiuterà a riconnetterci con la Natura. Il programma poi è molto cresciuto rispetto alle altre due edizioni. Non solo il festival durerà due giorni invece che uno, ma ci sarà la possibilità di praticare yoga fino al 27 giugno alle 8 del mattino, quasi tutti i giorni con diversi insegnanti. Il pomeriggio di sabato 19 sarà dedicato ai bambini. Durante l’intera Giornata mondiale dello yoga, il 21 giugno, infine, si alterneranno varie pratiche».

cs