“Benedire il futuro”, settimana di lavoro teatrale e scrittura per ragazze e ragazzi dai 14 ai 18 anni a Rosbella di Boves

0
204
boves

Quest’anno a giugno le Palestre di Teatro proporranno una settimana di lavoro teatrale per le nuove generazioni, adolescenti in particolare, così profondamente penalizzati dalla pandemia Covid -19, costretti tutto l’anno scolastico ad una didattica a distanza. La settimana vorrà essere realizzata a diretto contatto con la natura, all’aperto, a Rosbella di Boves. Dal lunedì 14 a sabato 19 giugno. Tutti i giorni dalle ore 14 alle ore 18 e il sabato mattina.

L’argomento di lavoro sarà la parola FUTURO. Intesa come “stare per essere”. Una potenzialità di vita, ma anche di visione, che mai come in questo periodo è fondamentale per la crescita proprio delle nuove generazioni. La parola FUTURO, intesa in questo senso, contiene alcune domande, tra cui:

Come sto? e Per essere chi o che cosa?

La Palestra estiva sarà luogo di incontro in presenza e nella natura, luogo in cui DIRE BENE (=benedire) a partire dalla parola FUTURO. Indagheremo il Terreno di questa parola attraverso gli strumenti del teatro e della scrittura, attraverso un lavoro di dedizione cura e disciplina, perché anche la parola TEATRO ha bisogno di futuro.

E di occhi e di bocche e di teste e corpi che lo pensino e lo facciano vivere.

E di giovani che lavorino il suo terreno nell’attenzione sensibile verso l’Altro

e per il proprio stesso benessere psico-fisico.

L’atto del coltivare (fare arte) il futuro ha diverse nascite.

E nascere vuol dire venire alla luce, cominciare ad essere. Il cominciamento dura. E’ sempre un cominciamento. Un conci-mamento.

“Noi ci alleneremo e alleneremo la nostra sensibilità a tutto questo, durante le 24 ore in cui ci incontreremo, attraverso il nostro corpo, la nostra voce, la presenza e la scrittura”.

Apparecchiare (il futuro) con e/o Sparecchiare (il Futuro) da…? 

Per costi iscrizioni ed informazioni contattare Elisa Dani 3347334805.

Sono aperte le iscrizioni  fino al 01 giugno 2021.

La formazione si svolgerà nel rispetto delle norme Covid e si richiede iscrizione obbligatoria (numero chiuso max 12 persone).

c.s.