In Confindustria Cisambiente le storie dei ricci di Novello e di Kasya, la delfina triste dell’Iran

0
295

Introdotto da Marcello Rosetti e da Lucia Leonessi, presidente e direttore di Confindustria Cisambiente, l’evento intitolato I veri amici sono loro, mercoledì 14 aprile, ha avuto tra i protagonisti i piccoli ricci del centro di recupero La Ninna di Novello (CN) e la delfina Kasya, che a gennaio l’associazione novellese ha salvato dalla morte, trasferendola dal fatiscente Milad Tower’s dolphinarium di Teheran, dove stava morendo di depressione e solitudine, al Kish Dolphin Park, in cui ha ritrovato il contatto gioioso con i suoi simili.

A illustrare le vicende di questi animali, il veterinario Massimo Vacchetta, fondatore del Centro ricci La Ninna di Novello, che negli ultimi anni ha avviato incredibili salvataggi e massicce campagne di sensibilizzazione.

Importante il panel dei relatori, che contava anche Donatella Bianchi, presidente di WWF Italia, Roberto Gasparri, responsabile Chirurgia toracica Ieo, Mariangela Albertini, del Dipartimento di Medicina Veterinaria Università di Milano, l’onorevole Michela Vittoria Brambilla, il tenente colonnello Giancarlo Papitto, Unità cinofile Antiveleno, Pier Giovanni Capellino, presidente della Fondazione Capellino, il senatore Luca Briziarielli, vicepresidente della commissione Ecoreati e l’onorevole Vannia Gava, sottosegretario Ministero Ambiente e Transizione Ecologica.

Davanti al pubblico di Confindustria Cisambiente, che raccoglie oltre 600 imprese che si occupano di ecologia, ambiente, energie rinnovabili e green economy, Massimo Vacchetta ha raccontato: «Nel 2014, ho fondato il centro di recupero ricci La Ninna, mosso dalla compassione per una piccola riccia, Ninna, che ho soccorso quando pesava meno di un mandarino. Da allora, in 7 anni, ci siamo presi cura di circa 1.500 ricci, ne abbiamo riportato alla vita libera più di 900 e abbiamo assistito con dedizione oltre 300 ricci disabili. Siamo passati da 50 a 600 metri quadri di superficie utile e da zero a una trentina di volontari e a quasi 200mila followers. Per assistere sempre meglio i piccoletti che arrivano da noi, vorremmo ora acquistare un apparecchio radiologico digitale e nuove gabbie antintrusione ma anche ampliare gli spazi coperti e le aree verdi protette di preliberazione per i ricci».

c.s.