«Seguiamo regole antiche ma non ci stanchiamo di ricercare nuove idee»

0
160

Sono tanti i riconoscimenti italiani e internazionali che sono stati attribuiti all’azienda Ferrero. Diversi di questi premi sono stati ritirati da Pietro Ferrero, spesso affiancato dal fratello Giovanni. Tra i principali riconoscimenti assegnati al colosso dolciario albese, spicca quello che gli attribuì, nel 2009 ad Amsterdam, il Reputation Institute di New York, il quale collocò la Ferrero al primo posto della graduatoria mondiale delle aziende che beneficiano della migliore reputazione generale presso il pubblico. Altrettanto prestigioso il Winning Italy Award, andato all’azienda nel 2010 per premiarne la capacità di promuovere e valorizzare l’immagine e la reputazione italiana nel mondo. A ritirare il premio furono i fratelli Pietro e Giovanni Ferrero, che ricevettero il riconoscimento dall’allora ministro degli Esteri italiano Franco Frattini e dell’atleta Fiona May, in più di un’occasione testimonial dei progetti Ferrero relativi all’ambito sportivo e studentesco. Sempre nel 2010, il primogenito di Michele Ferrero e Maria Franca Fissolo ritirò il Premio Alberto Falck-Azienda Familiare 2010, conferito dall’Associazione Italiana delle Aziende Familiari. Come riporta L’impresa sul numero di dicembre del 2010, Pietro Ferrero, in quell’occasione, dichiarò che «la ricetta del nostro successo non è segreta come quella della Nutella. Sono tre gli ingredienti che ci permettono di costruire ogni giorno la solidità dell’azienda: ricerca di prodotti innovativi, attenzione all’eccellenza della qualità e responsabilità sociale. Seguiamo regole antiche ma non ci stanchiamo di ricercare nuove idee».