Il Piemonte torna zona arancione: ecco cosa cambia da domani (e da mercoledì 14 in Granda)

0
865

Dopo quasi un mese di chiusure e restrizioni per la “zona rossa” (istituita lo scorso 15 marzo) il Piemonte torna in “zona arancione”: da domani, lunedì 12 aprile, nelle province di Alessandria, Asti, Biella, Novara, Torino, Verbano Cusio Ossola e Vercelli, e da mercoledì 14 in quella di Cuneo.

Ecco cosa cambierà quindi dalla prossima settimana, fra lunedì e (per la Granda) mercoledì.

ATTIVITA’ COMMERCIALI

Apertura dei negozi al dettaglio.
Apertura dei centri estetici.
Apertura dei mercati anche extra-alimentari.
Apertura centri sportivi.

SPOSTAMENTI

Consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune senza autocertificazione dalle 5 alle 22. Coprifuoco: vietato circolare dalle ore 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio comune.

Consentita la visita a parenti ed amici nel limite di due persone, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi, solo all’interno del proprio comune.

Consentiti gli spostamenti dai comuni con una popolazione non superiore a 5mila abitanti, per una distanza non superiore ai 30km e mai verso i capoluoghi di provincia. Consentita l’attività motoria nei pressi della propria abitazione. Consentita l’attività sportiva all’aperto ma solo in forma individuale.

CHIUSURE CONFERMATE

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici ATECO 56.3 e 47.25 (Bar) l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.
Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie al loro interno.
Chiusura di musei e mostre.
Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie. Impianti sciistici chiusi. Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.

SCUOLE – Le scuole torneranno in presenza da lunedì, al 100% fino alla terza media e al 50% per le superiori, in tutto il Piemonte ad eccezione della provincia di Cuneo: in questa zona, permanendo la zona rossa, lunedì e martedì la scuola sarà in presenza fino alla prima media e in dad dalla seconda media in su, per uniformarsi poi da mercoledì alle regole della zona arancione.