Confesercenti Cuneo: “Clienti che bevono in prossimità dei locali: perché a pagare la multa deve esser anche l’esercente?”

0
225

“Le regole vanno rispettate e chi sbaglia paga. Questo è indiscutibile, però nessuno può pretendere di trasformare i titolari di esercizi pubblici in sceriffi, soprattutto per il controllo di aree esterne ai locali, come portici, strade o piazzali”. Con queste parole il direttore generale di Confesercenti provincia di Cuneo, Nadia dal Bono, commenta la notizia dell’ennesimo esercente multato perché alcuni clienti stavano consumando a pochi passi di distanza dal locale.

“È indubbio che in questo periodo difficile ognuno deve fare la sua parte per superare l’emergenza sanitaria – prosegue il direttore dal Bono – , però mi chiedo come sia possibile per una persona che sta lavorando dietro ad un banco, controllate se i clienti si sono fermati fuori a bere o mangiare. Le regole ormai sono note, ci sono i cartelli che le rammentano, quello che bisogna metterci, tutti insieme, è la collaborazione e soprattutto una dose abbondante di buonsenso.

Essere multati e chiudere il locale per alcuni giorni è già un fatto pesante in questo momento di crisi e mancanza di lavoro ma esserlo per un comportamento errato altrui, pare anche una beffa. Il titolare del locale non è tenuto, non può, controllare gli avventori fuori dal suo locale. E poi con quale autorità potrebbe farlo? Come possono i baristi trasformarsi, addirittura fuori dai loro locali, in sceriffi per controllare un luogo pubblico? Tutto ciò ha dell’assurdo”.

c.s.