SPECIALE IDEA AWARDS 2000-2020 – LE NOMINATION: Andrea Marchisio, il Libero cuneese “triplete” con la LUBE

0
486
Fabio Balaso e Andrea Marchisio con la Coppa del Mondiale per Club 2019

Poteva forse mancare la candidatura a miglior atleta cuneese del ventennio 2000-2020, nell’edizione 2020 degli Idea Awards, di Andrea Marchisio? Certo che no!

Nato e cresciuto a Cuneo Andrea, “Tarci” per i cuneesi e “Ciccio” per il resto d’Italia e non solo, è tra i pallavolisti di successo formatisi nel vivaio cuneese. Eh sì, perché i primi passi nel mondo della pallavolo, Marchisio (classe ’90) li ha mossi ad appena 6 anni nel minivolley del club biancoblù.

Oggi Andrea è il secondo Libero della Cucine Lube Civitanova, il Club di pallavolo maschile italiano che negli ultimi anni ha primeggiato sui palcoscenici italiani, europei e mondiali. I primi ingressi da Libero, Marchisio, li ha fatti con la Selezione Piemonte a 16 anni, ma solo in Under 18 il ruolo è diventato ufficiale.

Il 2010 per Andrea e per Cuneo è l’anno degli scudetti! Aggregato alla prima squadra (Bre Banca Lannutti Cuneo) nell’ultimo mese della stagione, Marchisio era a Bologna quel 9 maggio 2010 nel primo V-Day della storia della pallavolo italiana, dove Cuneo alzò il primo scudetto assoluto!

Come sempre sugli spalti a tifare per lui mamma Manuela e papà Dario, protagonista nei primi anni ’80, da giocatore prima e allenatore poi, dell’ascesa del volley monregalese.

Il 30 maggio 2010 arriva la vittoria sul campo della Junior League. La Bre Banca Lannutti U20 ricalca le orme dei “fratelli maggiori” e, con lo stesso risultato con cui la prima squadra ha vinto il V-Day, supera l’Itas Diatec Trentino per 3-1 e conquista la TIM Junior League 09/10, ad 11 anni esatti dalla vittoria del suo primo trofeo Under 20.

Dopo la chiusura della serie A1 a Cuneo, Andrea inizia a girare l’Italia militando nel campionato di A2, dove nella stagione 2016/17 disputa la Finale della Del Monte Coppa Italia con la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania.

La stagione successiva arriva la chiamata in Superlega da parte della LUBE, dove il Libero titolare è niente meno che Jenia Grebennikov.

Lega Volley

Il 2019 è l’anno del Triplete!
Dopo lo Scudetto e la CEV Champions League, l’8 dicembre i marchigiani salgono sul tetto del mondo vincendo il Mondiale per club di volley. Chiunque conosca Andrea, non può certo dimenticare l’emozione provata durante la premiazione dello scudetto (14 maggio 2019), quando il capitano della LUBE, Dragan Stankovic, dopo aver ricevuto la Coppa chiama proprio il libero cuneese per alzarla al cielo insieme: «Da cinque anni a questa parte ogni medaglia la dedico a mio padre che non c’è più». Andrea non si è certo fermato e ha alzato anche le ultime due Coppe Italia di Superlega (2020-2021).

A inizio 2021 è arrivata anche la Laurea in Scienze motorie ( Tesi: La dieta chetogenica: tra sport, salute e speculazioni). Una grande soddisfazione, ma soprattutto una promessa mantenuta verso suo padre: « Adesso inizierò la magistrale per completare l’opera».

 

Le ambizioni certo non gli mancano, con Kobe Bryant e Sérgio dos Santos (ex pallavolista brasiliano e tra i migliori Liberi della storia della pallavolo maschile) come idoli sportivi, se nei prossimi 10 anni si vede ancora protagonista sui campi italiani e chissà magari con un ritorno a Cuneo, tra vent’anni vorrebbe essere il proprietario di una palestra ed essere preparatore atletico di pallavolo.