Domani Gerbaudo Savigliano-Acqui Terme, Bonifetto: “Speriamo la sosta non abbia inciso negativamente”

0
193

Dopo quindici giorni, si torna in campo in uno scenario tutt’altro che roseo. La Serie B maschile di volley, dopo la pausa dettata dal weekend “elettorale”, riapre i battenti nei vari campionati, in una situazione che è però profondamente segnata dai tanti rinvii e dalle positività crescenti all’interno delle squadre.

Un quadro, questo, che riguarda da vicino il Gerbaudo Volley Savigliano, impegnato sabato contro Acqui Terme, una delle squadre maggiormente colpite dai contagi e con tre gare già rinviate fin qui.

“L’orizzonte è un po’ incerto. – spiega ai nostri microfoni coach Roberto Bonifetto – Fatti salvi cambiamenti dell’ultima ora, giocheremo, ma non abbiamo idea di chi arriverà da Acqui Terme, perché i nostri avversari da qualche settimana non giocano per via della positività al Covid-19 di molti loro tesserati. Purtroppo, l’iter per il rientro è molto complesso, quindi veramente, non sappiamo che tipo di squadra andremo ad affrontare. Molto dipenderà dal tipo dal percorso per l’idoneità seguito da Acqui, perché il regolamento prevede diverse possibilità per il rientro, una volta certificata la negatività al virus”.

Anche in casa Gerbaudo, però, il rinvio contro Ciriè e la successiva sosta hanno generato qualche incertezza: “Pensiamo a giocare “su di noi”. Purtroppo, lo stop ha un po’ interrotto un nostro buon percorso: arrivavamo dal ko contro Alto Canavese, ma avevamo giocato una gran partita. Io spero che questo slancio non si sia perso: in allenamento abbiamo fatto bene, ma il campo poi è un’altra cosa”.

In un quadro complessivo davvero imprevedibile, anche il regolare svolgimento del campionato sembra poter essere in dubbio: “La situazione è altrettanto incerta, perché, come comunicatoci dalla Federazione, le gare da recuperare sono davvero tantissime e, purtroppo, essendo prevista una seconda fase, occorrerà prima completare del tutto la prima. – sottolinea Bonifetto – Guardando al calendario, siamo già a marzo, mese in cui, in una stagione normale, solitamente si pensava già ai playoff. Insomma, il percorso quest’anno è più che mai tortuoso, ma noi pensiamo partita dopo partita”.