Dalla passione di quattro amici è nata una realtà forte a livello nazionale

Oltre agli importanti risultati delle prime squadre, spicca il settore giovanile della società del Saluzzese

0
122

L’Asd Tennistavolo A4 Verzuolo è nata nel 1983 dalla passione di quattro amici, Dario Alberto, Gigi Testa, Ivo Bertolotti e Stefano Vincenti, quest’ultimo attuale presidente del sodalizio. Il gruppetto, dopo aver preso parte a diversi tornei amatoriali, decise di creare una società sportiva, affiliandosi alla Fitet ed iscrivendosi al campionato di Serie D2 di quella stagione. Il loro primo salone fu presso la Parrocchia di Santa Maria di Verzuolo, poi sostituito, fino al passaggio nell’attuale sede in via XXV aprile nel 1994. In quasi quattro decenni, il sodalizio verzuolese ha ottenuto risultati di assoluto valore sia in ambito maschile che femminile. La compagine maschile raggiunse la Serie A2 per la prima vol­ta nel 2007/08, centrando poi la vittoria della Final four di “Tt Intercup” nel 2009 e due finali scudetto nel 2009-10 e nel 2019. Con la squadra femminile, invece, la massima serie arrivò già nel 1989, con la partecipazione alla Coppa Internazionale Ettu nella stagione successiva. «Il nostro fiore all’occhiello re­sta comunque il settore giovanile» sottolinea Stefano Vincenti. «Oggi, possiamo vantare 150 iscritti, con cui partecipiamo a moltissimi campionati regionali e nazionali. La nostra bacheca annovera 19 medaglie d’oro, 18 d’argento e 93 di bronzo, conseguite nel corso degli anni nei Campionati Italiani Giovanili».

Da tre stagioni, inoltre, il sodalizio verzuolese è campione d’I­talia Gio­va­nissimi, con squadre composte da soli ragazzi del paese. «Partecipando ai massimi tornei nazionali, abbiamo anche avuto la fortuna di ospitare a Verzuolo molti campioni stranieri, di nazionalità polacca, jugoslava, russa, ucraina, rumena, bulgara, bielorussa e cinese», continua Vincenti. Tra questi, anche la jugoslava Gordana Perkucin (nella foto sopra, al centro, con le compagne di squadra Cristiana Carosso di Verzuolo, a sinistra, e Daniela Alberto di Verzuolo), che nel 1988 prese parte ai Giochi Olimpici di Seoul (i primi in cui fu annoverato il tennistavolo), dopo aver disputato quella stagione con la maglia di Verzuolo, vincendo la medaglia di bronzo nel doppio con Jasna Fazlic. Oggi fa parte della prima squadra maschile il moldavo Andrei Putuntica, affiancato dal verzuolese Mattia Garello, dal novarese Daniele Pinto e dal genovese Andrea Puppo. «Accanto alle tante attività agonistiche a livello nazionale e regionale, la nostra società porta avanti molte iniziative che mirano ad accrescere la socialità sul territorio, come la costinata, la festa di carnevale, la bagna cauda, una sorta di “estate ragazzi”, e soprattutto il tradizionale campeggio estivo di una settimana in montagna», conclude Vincenti.