Serie D, Chieri-Bra 1-2. Floris (vice mister giallorosso): “L’esordio in panchina? Emozione forte!”

"Mi porta bene giocare contro il Chieri, perchè l'ultima volta ho vinto il titolo con i 2003! Una partita speciale, non posso nasconderlo. I ragazzi oggi l'hanno affrontata nel modo corretto, con un'ottima gestione e rischiando poco nulla"

0
361
Roberto Floris, vice-allenatore del Bra

A guidare il Bra alla vittoria, oggi pomeriggio a Chieri, dalla panchina c’era Roberto Floris. Per la squalifica inflitta a mister Fabrizio Daidola, oggi ha debuttato (in D) il suo vice-allenatore. Classe 1978, ex bomber ed ex allenatore del Settore Giovanile giallorosso. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente.

Mi porta bene giocare contro il Chieri, perchè l’ultima volta ho vinto il titolo con i 2003! Una partita speciale, non posso nasconderlo. I ragazzi oggi l’hanno affrontata nel modo corretto, con un’ottima gestione e rischiando poco nulla. Abbiamo pagato un’unica disattenzione, che è valsa il loro pareggio. Siamo stati quasi perfetti per tutto il match.

Abbiamo riproposto lo stesso 11 di partenza con il Derthona, una mossa studiata e voluta. Per far capire alla squadra che aveva fatto cose importanti ed era giusto premiare quegli undici, perchè comunque avevano messo in campo una prestazione di spessore. Oggi l’hanno ripetuta e sono stati bravi.

Tos per noi è un giocatore importantissimo, per tanti fattori. Ora la difesa è al completo, lui è un uomo-guida in campo, parla tanto e aiuta i compagni. Da parte sua e di Merkaj, oltre ai gol fondamentali, due grandi prestazioni. Ma come da parte degli altri compagni.

Oggi è stata una domenica perfetta, per noi. Questo è un campionato difficile e non devi mai mollare. Il periodo di flessione arriva per tutti, siamo stati bravi a rimanere compatti. Soprattutto, quando nonostante delle partite di spessore non arrivava il risultato pieno. Mercoledì è importantissimo il recupero a Lavagna.

L’emozione dell’esordio in panchina, oggi, è stata forte. A livello personale, arrivo da un periodo non facile (ha contratto e sconfitto il Covid-19 ndr) e questa vittoria rappresenta una doppia gioia. Desidero ringraziare il presidente Germanetti, mister Daidola, il direttore generale Sartori. Sono sei anni che mi danno fiducia e continuano a darmela!“.