Un’Epifania solidale per la Caritas di Saluzzo

Raccolti 15 quintali di generi alimentari Su impulsodel Vescovo, monsignor Cristiano Bodo, i sacerdoti della Diocesi hanno promosso una raccolta di cibo per le famiglie bisognose

0
221

Ben 15 quintali di generi alimentari e beni di prima necessità, insieme a circa 2.000 euro di donazioni è il generoso frutto della raccolta solidale dell’Epifania attivata dalle quattro parrocchie di Saluzzo (Duomo, Sant’Ago­sti­no, San Bernardino, Maria Ausiliatrice) insieme a quelle delle frazioni di Cervignasco, via dei Romani e della Valle Bronda oltre ad altri sei paesi (Villanova Solaro, Ruffia, Scar­nafigi, Monasterolo, Torre San Giorgio e Sampeyre). L’inizia­ti­va, voluta dal Vescovo e promossa dalla Caritas diocesana, ha incontrato la solidarietà di tante persone che hanno aderito all’invito di monsignor Cristiano Bodo a vivere il Natale nella dimensione della carità. Sono infatti sempre di più le famiglie del territorio provate dalla pandemia alla quale si è aggiunta la crisi economica che sta facendo scivolare molti nella miseria. I prodotti raccolti sono stati smistati grazie ai volontari tra l’Em­porio della Solidarietà della Caritas di Saluzzo e i centri di distribuzione delle Caritas parrocchiali e vicariali. «Su impulso del nostro Vescovo», commenta il direttore della Caritas di Saluzzo, Carlo Rubiolo, «abbiamo chiesto a tutti i sacerdoti della Diocesi di promuovere nelle loro parrocchie, in occasione dell’Epifania, una raccolta di alimenti per le famiglie bisognose. Abbiamo fatto leva sulla suggestione della visita dei Re Magi, ma invece di oro, incenso e mirra, abbiamo chiesto di portare in chiesa olio, caffè e tonno, prodotti altrettanto preziosi per i nostri assistiti. La risposta è stata generosa e ora una bella riserva di quegli alimenti riempie gli scaffali dei nostri centri di distribuzione. Ringrazio di cuore tutti i donatori». La solidarietà continua anche dopo l’Epifania: l’Emporio in piazza Vineis (che aderisce al circuito provinciale di www.emporiinrete.it) continua la sua distribuzione il lunedì dalle 15 alle 18 e il venerdì dalle 9 alle 12. In media sono ormai 50-60 le persone che ogni giorno, nei due di apertura settimanale, scelgono generi alimentari e beni di prima necessità direttamente dagli scaffali secondo una nuova organizzazione sotto forma di “mini market solidale”. Per sostenere l’Emporio della Solidarietà della Caritas di Saluzzo ci sono molti modi. Il primo è donando il proprio tempo come volontari (contattare il referente, Spirito Gallo, al numero 329-9086123 o scrivere a info@caritassaluzzo.it). In alternativa, ci si può rendere utile con una donazione in denaro tramite PayPal sul sito www.emporiinrete.it o con bonifico bancario intestato all’Associazione Avass all’Iban IT18M0629546770000001500943 (le donazioni sono detraibili). È anche possibile contribuire alla causa donando cibo (fresco o confezionato) o beni di prima necessità (detergenti per la casa e la persona, carta igienica…), direttamente negli orari di apertura (aziende e supermercati possono avvalersi delle agevolazioni fiscali previste dalla legge 166/2016 per la solidarietà sociale e contro lo spreco).