Adelina Ungureanu ospite di Terzo Tempo: “Orgogliosa di questo gruppo”

0
303

La puntata di ieri sera di “Terzo tempo”, il format di Ideawebtv.it e Rivista Idea che va in onda su Facebook il lunedì sera, era interamente dedicata al volley, protagonista nell’ultimo weekend dello sport cuneese.

Ospite d’eccezione, per quanto concerne la pallavolo femminile, è stata Adelina Ungureanu, la forte schiacciatrice rumena classe 2000 della Bosca S. Bernardo Cuneo.

In compagnia “virtuale” dei nostri Edward Pellegrino, Danilo Lusso e Carlo Cerutti, Adelina ha mostrato tutto il proprio entusiasmo per la vittoria ottenuta domenica contro l’Unet E-Work Busto Arsizio: “Abbiamo disputato una grande partita, giocando su buoni ritmi nonostante arrivassimo da un lungo stop. Certo, forse avremmo anche potuto ottenere i tre punti, evitandoci il tie-break, ma in questo momento siamo felici così”.

Un momento, questo, che coincide con il ritorno graduale al campo delle “gatte”, dopo lo stop di 21 giorni imposto dalla positività al coronavirus di alcune di loro: “Sono state settimane difficili, ma insieme le abbiamo superate. Nella prima settimana in casa ci siamo allenate da sole, poi sempre insieme attraverso le piattaforme online e questo ci ha dato una grossa mano. Sicuramente ora, però, dovremo ritornare in condizione: non è stata solo una sosta lunga, ma è anche coincisa con la nostra positività e con i conseguenti sintomi del Covid-19, che ci hanno debilitate”.

La lunga quarantena, però, non ha fatto altro che rinsaldare un gruppo già molto coeso: “Rispetto allo scorso anno, credo che questo roster abbia qualcosa in più a livello di unione: ognuna di noi gioca per l’altra, senza pretendere mai ed aiutandoci a vicenda nei momenti di difficoltà. Quando ci siamo riviste è stato bellissimo”.

Un gruppo che non è solo composto dalle 7-10 giocatrici che scendono in campo regolarmente: “Siamo tutte parte fondamentale di questa squadra. Anche chi gioca meno ci dà una grossa mano. Anzi, voglio ricordare quanto fatto dalle nostre giovani compagne contro Conegliano: hanno perso come si sarebbero immaginati tutti, ma giocando con un coraggio e una voglia unici. Siamo state davvero orgogliose di loro”.

Ora, la testa non può che essere alle tante partite in programma: “Cercheremo di farci trovare pronte. Giocare ogni tre giorni ti consente di tornare presto in condizione, ma si rischiano anche di più gli infortuni. Questo gruppo a pieno ritmo può battere chiunque”.