Consiglio Comunale straordinario a Saluzzo: soddisfazione per la vicenda Mahle (FOTO)

0
262
Era il 23 ottobre del 2019, quando la Mahle dichiarava ai lavoratori la chiusura totale dell’azienda per le due sedi, La Loggia e Saluzzo, ma ad oggi, 16 ottobre 2020, finalmente una bella notizia.
L’azienda IMR è subentrata alla Mahle, garantendo i posti per tutti i lavoratori impiegati precedentemente in azienda: 233 posti indirizzati alla reindustrializzazione, divisi sulle due sedi piemontesi.

 

Il rappresentante sindacale Pier Andrea Cavallero, (Fiom Cuneo), a nome dei colleghi, esprime la sua piena soddisfazione per l’operato e per il risultato raggiunto:” L’appuntamento di questa sera è importante perché abbiamo un risultato in mano. Oggi possiamo dire che finita la Mahle si apre un percorso nuovo. Imr è una società importante nel territorio, ed è molto importante che sia Italiana. L’impegno della IMR è quello di tenere il lavoro della sede di Mondovì ampliando con quello di Saluzzo e La Loggia, senza sacrificare uno stabilimento a discapito dell’altro. Ringrazio tutti voi perché grazie alla fiducia ed al sostegno dei lavoratori, siamo arrivati ad una certezza, ovvero il futuro degli stabilimenti. Nessuno rimarrà fuori dal percorso di reindustrializzazione. Lavoreremo un prodotto nuovo con nuovi impianti nuove linee e nuovo modello organizzativo, ma c’è un futuro. Noi abbiamo cercato la concretezza di una operazione che oggi premia il sacrificio che i lavoratori hanno fatto. Iniziamo un percorso in piena fiducia“.

Corrado Lauro, consigliere comunale, esprime il suo orgoglio, e quello di tutta la cittadinanza:”E’ una soddisfazione essere qui oggi con in mano questa notizia, che fa notare quanto sia importante la collaborazione tra istituzioni e gli enti locali.
È stato bello vedere i volti preoccupati ma fiduciosi dei lavoratori. Volevo ringraziare Chiara Gribaudo che ha facilitato il tutto grazie al suo impegno, sicuramente la scelta vincente è stata quella delle rappresentanze sindacali che hanno lavorato nel migliore dei modi, cercando una collaborazione e non uno scontro”.
Il Consigliere regionale Paolo Demarchi ha portato i saluti del Presidente Cirio: “Siamo qui oggi a festeggiare questo accordo, la IMR group realtà solida, dimostra che crede nel Piemonte e nel settore dell’automobile, e in un periodo come questo è sicuramente un ottimo segnale che però va monitorato per vedere come questo processo verrà accompagnato per dare lavoro ai dipendenti saluzzesi. Confidiamo che ci sia una ripresa veloce dei lavori e si possa al più presto brindare per questo nuovo percorso“.

Presente al Consiglio anche l’onorevole Chiara Gribaudo: “Finalmente una bella notizia, in questo momento difficile è una boccata d’aria fresca, perché non voglio immaginare cosa sarebbe potuto succedere in un momento così particolare, con 233 famiglie costrette a dover trovare occupazione. La scelta istituzionale intrapresa dai sindacati, di essere uniti e compatti ha significato dare vicinanza ai lavoratori, è stato importante perché ci restituisce un senso di appartenenza alla comunità ricordando che ognuno entro i propri limiti può fare qualcosa, e Saluzzo l’ha dimostrato. La risposta più semplice sono gli ammortizzatori sociali ma è il lavoro quello alla quale dobbiamo ambire. Dobbiamo ridisegnare il futuro dell’automotive in Piemonte, dobbiamo metterci a ridisegnare insieme un futuro di lavoro con politiche attive ed una visione di futuro, creando una idea di paese e di futuro economico. Io ho fatto solo un pezzetto ma il grande del lavoro lo avete fatto voi, e voi avete dimostrato che se si lotta i risultati si ottengono e vi ringrazio per la vostra lotta, perché se avessimo avuto oltre all’alluvione, al covid , anche un ricollocamento di lavoratori rimasti a casa, in questo momento non staremmo festeggiando“.

Infine il primo cittadino Mauro Calderoni si dice orgoglioso per il risultato ottenuto sostendendo che questo risultato sia frutto di una collaborazione attiva: “Credo che una grande mano lo abbia dato anche il mondo dell’informazione locale che ha acceso sempre i riflettori su questa vicenda facendolo in maniera equilibrata. Raccontando sempre l’iter della trattativa in maniera puntuale con uno sguardo al futuro in maniera positiva. Lottando insieme in modo attento, ma responsabile, lavoratori, sindacati, istituzioni locali, regionali e nazionali, abbiamo conseguito un grande risultato. In bocca al lupo per la nuova avventura, restiamo a disposizione per tutto ciò che l’amministrazione locale può fare in questa fase cambiando veste“.