Serie D, Imperia-Bra 1-2. Mister Daidola: “Gruppo compatto, con sinergia ed empatia”

"Abbiamo dimostrato di saper soffrire, in questo campionato è una componente fondamentale. Sarà un cammino lungo, faticoso, la prima giornata ha riservato sorprese. Piedi di piombo e continuare a lavorare per migliorare"

0
275
Fabrizio Daidola, allenatore del Bra

Debutto vincente per il Bra che, oggi pomeriggio, ha rimontato e battuto l’Imperia con il punteggio di 1-2 allo stadio “Ciccione”.

Al vantaggio nerazzurro con Capra, hanno risposto le reti giallorosse di Bongiovanni e l’autorete di Scannapieco (propiziata da Cardore).

Telefonicamente, abbiamo raggiunto il mister braidese Fabrizio Daidola per un commento sul successo della sua squadra: “Sabato mattina avevo chiesto ai ragazzi di staccarsi dal cammino degli anni scorsi, perchè sono un gruppo nuovo, con un profilo tattico differente. Bisognava venire ad Imperia con fiducia, senza guardare indietro e guardando soltanto avanti. È importante, adesso che siamo sul pullman nel viaggio di ritorno, sentire i ragazzi cantare e vederli sorridere.

La squadra è partita con il piede giusto e ha disputato un grande match. La mentalità è stata perfetta, frutto di un gruppo compatto, con sinergia ed empatia. Il primo tempo è stato fatto molto bene, eravamo padroni del campo, poi su una mezza incertezza loro si sono portati in vantaggio. Poi, abbiamo spinto con forza fino al pareggio e al sorpasso. Nella ripresa abbiamo disputato un altro tipo di partita, senza rischiare più di tanto. L’Imperia è una buona squadra e una piazza importante. Sempre nel secondo tempo, abbiamo avuto due chance per chiudere i conti. Abbiamo dimostrato di saper soffrire, in questo campionato è una componente fondamentale.

Per la maglia del Bra bisogna sputare sangue, siamo una famiglia e io non vedo altro che giallorosso. Sarà un cammino lungo, faticoso, la prima giornata ha riservato sorprese. Piedi di piombo e continuare a lavorare per migliorare. Ci prendiamo questi 3 punti e da martedì penseremo alla Caronnese. Spero che questa situazione si risolva presto, il calcio senza pubblico ha un sapore differente. Giustissimo attenersi alle disposizioni e ai protocolli, dovremo prestare grande attenzione fino alla fine dell’emergenza“.