Ospedale Cuneo: i consiglieri Enrici e Risso consegnano un nuovo studio sul sito del Carle

0
185

I consiglieri comunali Silvano Enrici e Maria Laura Risso in questi giorni hanno consegnato alla fondazione ospedale e ai tecnici dell’amministrazione ospedaliera, lo studio da loro fatto eseguire per evidenziare le possibilità di nuova cubatura sul sito del Carle .

Come evidenziano i documenti allegati, oltre a rispettare integralmente il piano regolatore, vi è una grandissima possibilità di edificare.  – spiegano – Il lavoro si attiene rigorosamente ai vincoli esistenti , sia idrogeologici che architettonici e ambientali,  evidenziati ed emersi proprio dall’attività propedeutica al masterplan, svolta nel 2011 dai tecnici   dell’amministrazione dell’ospedale e da una  professionista incaricata anche in questi giorni, con altri due colleghi, di valutare la scelta del sito , l’architetto Elena Airaldi.

Il fabbricato dell’attuale Carle, poiché  vincolato,  non viene  interessato dai lavori , di conseguenza i cantieri possono essere avviati in tempi brevissimi . Oltre  a questo si evidenzia la possibilità di un pronto soccorso ampio e attiguo all’eliporto già esistente.  Infine in epoca di Covid 19, i vari reparti potranno essere progettati con modalità di prevenzione , con entrate e uscite  separate,ed attorno spazi verdi accessibili e fruibili, parcheggi sotterranei fino a due piani per ospiti e personale, collegamenti già esistenti con l’autostrada, come ultimo una possibilità ulteriore nel tempo di ampliamento futuro.

Mettiamo  a disposizione non una suggestione, ma un lavoro serio con dati certi e verificabili utile per abbreviare i tempi e non perdere  di conseguenza  i finanziamenti europei previsti sulla sanità, per permettere di costruire un Ospedale  che risponda alle esigenze non solo della città, ma di tutto il territorio Cuneese  . Riteniamo  questo sito l’unico che potrà   mantenere un’eccellenza sanitaria a Cuneo, poiché la nuova nuova cubatura prevista sarà di 225.000 metri cubi ampliabile fino a 320000 metri cubi.

Per sgombrare il campo da equivoci i padiglioni raffigurati non sono vincolanti, ma dimostrano un’ effettiva potenziale  cubatura. Saranno i professionisti della sanità a decidere la forma e l’edificazione. Riteniamo questa una risposta che permetterà non solo ora, ma anche in futuro di avere una struttura al passo con i tempi .Se si dimostrerà e parliamo  specificamente delle cubature e dei servizi che offre l’area del Carle , per altro  previste dalle linee guida per i nuovi ospedali, esse potranno essere individuate anche nell’attuale Santa Croce previa documentazione supportata da dati certi, questo potrebbe farci cambiare il nostro parere  sulla scelta del sito.

Non osiamo pensare ad una decisione simile a quella presa in un passato recente sulla scelta infelice di ubicazione di un nuovo ospedale e confidiamo nella serietà di chi sceglierà il luogo,  che dovrà prima di tutto tener conto delle esigenze sanitarie attuali e di quelle future oltre ad un’espansione  negli anni a venire“.