Emergenza Covid-19: durante la pandemia assunte oltre 2.000 figure professionali in campo sanitario

Icardi in quarta Comissione: “Saranno la base per un cambio strutturale”

0
157
L'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi

“Durante il periodo legato all’emergenza Covid sono state assunte oltre duemila persone nel comparto sanitario tra tecnici, infermieri, medici e specialisti. Al momento si tratta di contratti a tempo determinato, ma questo rappresenta uno degli obiettivi principali per aumentare in modo strutturale i posti di terapia intensiva, sub-intensiva e di cura negli ospedali piemontesi. Nostro compito è quello di elevare lo standard della risposta sanitaria portandolo allo stesso livello dei principali Paesi europei maggiormente pronti ad affrontare emergenze. È una riorganizzazione necessaria sia della rete ospedaliera sia di quella di medicina sul territorio”.

Lo ha detto questa mattina durante i lavori della Commissione Sanità – presieduta da Alessandro Stecco – l’assessore Luigi Icardi nel corso dell’informativa sulla riformulazione della futura rete ospedaliera piemontese richiesta dal ministero competente.

L’assessore e il presidente della commissione Giovanni Monchiero hanno elencato i dati relativi alla nuova rete ospedaliera piemontese dove il piano regionale, che verrà inviato a breve al ministero, prevede il raddoppio dei posti di terapia intensiva per un totale di circa seicento unità, un aumento di circa trecento per la terapia semi-intensiva per un totale di circa novecento unità, la ristrutturazione dei Pronto Soccorso, che verranno dotati di zone pre-triage e percorsi in grado di ridurre al minimo il rischio di contagio.

Queste le principali misure contenute nel piano, nel rispetto dei parametri e dei tempi imposti dal governo tenuto conto dell’eventualità di una seconda ondata pandemica autunnale.

Capisaldi delle strutture sanitarie relative al Covid 19 resteranno gli ospedali Amedeo di Savoia di Torino, quello di Carmagnola (To) e di Saluzzo (Cn).

Nel corso dell’informativa sono intervenuti il presidente Stecco e i commissari Domenico Rossi e Daniele Valle (Pd).

La commissione è proseguita con l’indagine conoscitiva sui minori e adolescenti e che ha in programmazione l’audizione con le associazioni a partire dal prossimo quindici giugno mentre il presidente del Consiglio Stefano Allasia, come da regolamento, ha fissato il termine ultimo per la chiusura dell’indagine al 31 luglio 2020.

c.s.