Saluzzo: primo mercato al completo, ma anche con dissensi e malumori. Neberti: “Siamo aperti al confronto”

0
208

Questa mattina, per il primo sabato dopo 75 giorni, il mercato di Saluzzo, è tornato ad essere al completo, con tutti gli ambulanti all’appello, sia alimentari che extra alimentari.

La nota dolente però arriva nel momento in cui, una cinquantina di ambulanti, in rappresentanza di altrettanti colleghi, hanno mosso in modo deciso, alcune proteste riguardanti la scelta della disposizione dei banchi, da parte del comune di Saluzzo.

Situazione che però aveva dato un sentore, nella serata di ieri, quando all’interno di un social network, sono spuntati i primi malumori, espressi in maniera piuttosto forte, a cui seguivano richieste di rivolte.

L’amministrazione Saluzzese, rappresentata in questo caso, dall’assessore al commercio Francesca Neberti ci tiene a comunicare a tutti gli ambulanti che il confronto è sempre possibile, tant’è che questa mattina, all’interno del comune è stata invitata una piccola delegazione di commercianti per riuscire a fare chiarezza sulla situazione: “Mi dispiace che si sia venuta a creare questa problematica, dal momento che nella giornata di sabato scorso, 16 maggio, si è tenuta una riunione alla quale hanno partecipato molti sindacati e i rappresentati degli ambulanti, il quali su base di votazione, hanno deciso per la momentanea dislocazione di alcuni banchi, al fine di garantire le distanze sociali richieste.

Ci tengo a ribadire che questa è una situazione del tutto temporanea, così come espresso all’interno della riunione stessa, dove tre associazioni su quattro hanno votato in maniera positiva, accettando le decisioni esposte. Siamo infatti stati  tra i primi a ripartire in provincia di Cuneo, mercoledì 23 maggio scorso”.

Rigettiamo quindi le accuse fatte, e comunichiamo che il responsabile, sarà chiamato a rispondere nelle sedi competenti auspicandoci che i suoi proclami non compromettano il grande mercato del sabato per cui c’è entusiasmo e grande attesa“.

La testimonianza del fatto che ci sia senza dubbio una apertura da parte del comune, è confermata dal fatto che la scorsa settimana era già stata indetta una nuova assemblea di confronto, per la prossima settimana, al fine di analizzare a situazione, ed eventualmente metter mano a nuovi cambiamenti, condizionati immancabilmente dalle normative vigenti in materia di sicurezza.