Costigliole d’Asti: due giovani denunciati per furto in abitazione

0
81

A neanche 24 ore dai festeggiamenti per il suo diciottesimo compleanno, un giovane viene denunciato dai Carabinieri di Costigliole d’Asti per furto in abitazione in concorso.

I fatti risalgono al tardo pomeriggio del 19 maggio allorquando i militari della Stazione di Costigliole d’Asti, durante un mirato servizio contro la prevenzione degli atti predatori nella giurisdizione, notavano, in una via secondaria limitrofa alla piazza principale di Costigliole d’Asti, un giovane, classe 2002, astigiano, già conosciuto dal personale operante per precedenti di polizia per furto in abitazione, lesioni e ricettazione, che si aggirava a piedi in una zona defilata senza apparentemente avere un motivo che potesse giustificare la sua presenza in quella zona.

Pertanto i militari decidevano di controllare il soggetto e sottoporlo a perquisizione personale: all’esito dell’attività di ricerca, il giovane veniva trovato in possesso di alcuni monili in oro ed un orologio per un valore approssimativo di un migliaio di euro. Non sapendo fornire alcuna valida giustificazione sulla disponibilità di quanto rinvenuto, i Carabinieri sottoponevano a sequestro i beni e il cellulare del reo per verificare eventuali connessioni con altri soggetti coinvolti nella vicenda.  Dai successivi accertamenti emergeva immediatamente trattarsi di gioielli provento di un furto denunciato poco prima ai danni di una 70enne di Costigliole.

Gli approfondimenti investigativi, corroborati dalla messaggistica presente sul telefono cellulare, facevano emergere che, complice del furto, era un soggetto minorenne, classe 2003, incensurato, nipote della denunciante proprietaria di casa, il quale consentiva al malvivente maggiorenne di accedere indisturbato. I due responsabili giustificavano la necessità’ di “tirare su due soldi”, per futili motivi.

Gli stessi sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Asti e a quella minorile di Torino per furto in abitazione in concorso: la refurtiva recuperata, veniva riconosciuta e restituita alla legittima proprietaria.