“Addio al dottore Italo Morena, grande estimatore di Mondovì”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO la lettera di ricordo del medico, estremamente legato alla città monregalese

0
395

In marzo è deceduto il dr. Italo Morena, un bravissimo medico dentista, che negli anni novanta era titolare in Torino di un rinomato studio dentistico. Era figlio del dentista Morena, che negli anni 50/70 aveva un frequentatissimo studio sotto i portici della Clinica Bosio, in corso Statuto a Mondovì. 

L’ho conosciuto nel decennio 1990/2000, quando ha appoggiato da Torino incondizionatamente l’attività del Comitato Monregalese per la promozione d’iniziative universitarie e poi del Comitato per l’Università del Piemonte Sud-Occidentale, di cui è stato l’ultimo Presidente. 

Era molto amico del Rettore Zich e del ProRettore Vera Comoli del Politecnico di Torino e riuscì a lavorare in sinergia con il Comitato monregalese pro-università per ottenere il decentramento di Ingegneria e di Architettura a Mondovì.

Particolarmente utili furono le cene di lavoro da lui organizzati ed offerti a Torino- al ristorante Sarti in via Genova- ai rappresentanti del Comitato, a  Sindaco ed Assessore alla Cultura del Comune di Mondovì e ai Rappresentanti del Politecnico. Ricordo in particolare un incontro a Madonna del Pasco di Villanova Mondovì, organizzato dal dr. Morena nel maggio del 1991, per far conoscere al Comitato e ai Rappresentanti dell’Unione Industriale di Cuneo e del Comune di Mondovì l’architetto Vera Comoli, così da favorire il decentramento di Architettura nella sede di Mondovì.

Era visceralmente legato a Mondovì, la sua Città natale, anche se lavorava e si realizzava professionalmente nel capoluogo piemontese: idealizzava Mondovì, credeva fermamente che Mondovì poteva  di nuovo essere all’altezza della fama di Città degli Studi e a pieno diritto ospitare perennemente l’Università. Quando, nel 2010, ho cercato- in qualità di Presidente della Fidapa monregalese- senza successo di evitare la chiusura del decentramento del Politecnico di Torino, ho trovato al mio fianco il dr.Morena, ormai in pensione, ma sempre pronto a dare il suo appoggio.

Per lui era inaccettabile che non si riconoscesse a Mondovì il diritto di ospitare studi universitari, Mondovì, la sua Città che nella Biblioteca Civica aveva l’onore di conservare una delle dieci copie note dell’incunabolo De Institutione confessorum di Sant’Antonino Pierozzi!  Grazie dottor Morena per aver amato senza riserve  la sua Città Natale, la grande Mondovì e buon viaggio nell’ultraterreno.

Laura Mosso