Alba: mostra “Nel mezzo del cammin di nostra vita…” La Divina Commedia vista dal carcere

La mostra verrà inaugurata sabato 14 marzo, ore 16.30.

0
118

Sabato 14 marzo alle ore 16.30 nel Palazzo Banca d’Alba, in via Cavour, 4 ad Alba sarà inaugurata la mostra fotografica che prende il nome dall’incipit della Divina Commedia di Dante Alighieri.

“Nel mezzo del cammin di nostra vita…” è il nome del progetto realizzato dai fotografi dell’associazione PassodopoPasso e da un gruppo di detenuti della Casa di Reclusione di San Michele di Alessandria.

L’iniziativa parte dalla profonda convinzione che la strategia della cultura che entra nelle carceri può produrre una prospettiva importante di recupero; è stata promossa la partecipazione dei detenuti stimolandone le capacità, dando loro la possibilità di esaltare le loro doti nascoste attraverso la fotografia scoprendo forme alternative per riappropriarsi della propria dignità personale. Momenti di condivisione in cui la fotografia diventa un pretesto ed un mezzo per raccontarsi.

Il progetto, realizzato in collaborazione con ICS Onlus e con il contributo della Fondazione Cassa Risparmio di Alessandria, ha come sfondo la “Divina Commedia” di Dante e, nello specifico, L’Inferno.

Il tutto è nato nel laboratorio di xilografia e di pittura, istituito nel carcere alessandrino. Gli allievi hanno creato delle tavole rappresentanti le parti più significative del poema usate come fondale, nel quale sono stati inseriti i ritratti delle persone detenute coinvolte.

Al momento inaugurale interverranno una fotografa dell’associazione alessandrina e tra gli autori del progetto, il presidente dell’Associazione di volontariato penitenziario Arcobaleno, il Sindaco di Alba, i Garanti regionale e comunale delle persone private della libertà personale, i rappresentanti della direzione della Casa di Reclusione di Alba e i rappresentanti della Banca d’Alba che ha concesso l’utilizzo dei locali.

L’iniziativa si inserisce all’interno delle attività previste dalla rassegna “TuttiDiritti – Carcere, Legalità, Persone” progetto che tradizionalmente propone alla cittadinanza albese una serie di iniziative e attività sui temi legati alla detenzione, alla legalità e ai diritti umani.

“TuttiDiritti”, patrocinato dalla Città di Alba, vede come capofila l’associazione di volontariato penitenziario Arcobaleno di Alba in collaborazione con la Casa di reclusione “Giuseppe Montalto” di Alba, i garanti regionale e comunale delle persone private della libertà personale, la Compagnia di Iniziative Sociali – CIS, l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo bianco d’Alba, il Mercato della Terra “Italo Seletto”, Libera Piemonte – presidio di Alba “Mauro Rostagno”, l’Istituto di Istruzione Statale “Umberto I°”.

TuttiDiritti gode del supporto del Centro Servizi per il Volontariato di Cuneo, “Società Solidale”.

La mostra durerà dal 14 al 29 marzo. Giorni di apertura: venerdì dalle ore 15 alle 19; sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19; domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Per visite di gruppo in giorni diversi dai precedenti contattare il numero 320 630 8456.

cs