Bra, il “Comitato No alla Scuola Media nell’area di via Trento e Trieste” ha incontrato la cittadinanza (FOTO e VIDEO)

Al tavolo dei relatori: Marina Panero, l'avvocato Francesco Racca (coordinatore), i membri tecnici l'architetto Claudio Gotta, l'ingegner Claudio Allasia (ex consigliere comunale) e l'architetto Cinzia Gotta. Ad inizio serata, la proiezione di un video sull'area interessata e poi i diversi interventi.

0
742
(foto Danilo Lusso - Ideawebtv.it)

Il “Comitato No alla Scuola Media nell’area di via Trento e Trieste” di Bra, ieri sera ha incontrato la cittadinanza nella “sala Montà” dell’Hotel Cavalieri.

Serata partecipata, dove i componenti del Comitato hanno spiegato e “illustrato”, punto per punto, le ragioni della loro contrarietà all’idea e al progetto di un edificio scolastico nella zona sopra citata. In primis, no allo smog, no al consumo del suolo e no all’inquinamento acustico.

Al tavolo dei relatori: Marina Panero, l’avvocato Francesco Racca (coordinatore), i membri tecnici l’architetto Claudio Gotta, l’ingegner Claudio Allasia (ex consigliere comunale) e l’architetto Cinzia Gotta. Ad inizio serata, la proiezione di un video sull’area interessata e poi i diversi interventi.

Marina Panero si è soffermata sul ristrutturare o ampliare gli edifici esistenti e l’individuare aree più idonee e meno costose; l’avvocato Francesco Racca ha parlato della situazione del traffico nelle strade adiacenti l’area destinata alla nuova scuola; l’architetto Claudio Gotta sulle valide alternative alla costruzione della scuola, parcheggi, area adibita a servizi, area verde; l’ingegner Claudio Allasia sull’inquinamento acustico della zona di Via Trento Trieste, sulle conseguenze, specialmente sui ragazzi in età scolare e dei dati significativi sulle rilevazioni fatte; l’architetto Cinzia Gotta sulle soluzioni alternative in linea con le direttive del MIUR, sul come si può risparmiare denaro pubblico e sul come creare una scuola vivibile, ben inserita nel tessuto urbano.