Gli Amici del Teatro portano in scena a Beinette la commedia “Il sosia”

Prossimo appuntamento domenica 9 febbraio alle 20,45

0
616
La Compagnia teatrale beinettese “Amici del Teatro” ha presentato il suo nuovo lavoro: si tratta de “Il sosia”, una commedia comica e brillante in tre atti di Franco Roberto (uno dei maestri del genere, comicissimo, a livello nazionale).

L’appuntamento è, per ora, casalingo presso il teatro parrocchiale di Beinette. L’ingresso è libero, con offerta.
Il debutto, sempre esauritissimo, è stato sabato sera 1° febbraio. La prima replica, nella stessa sala, ancora gremita, è stata per il giorno dopo, domenica pomeriggio 2 febbraio.
Altre date fissate saranno domenica 9 febbraio alle 20,45, sabato 29 febbraio alle 21, domenica 1° marzo alle 15. I posti, numerati, vanno prenotati da «Piccoli vizi» di Marzia Mameli a Beinette (Via Roma 15, telefono 340.0502550) e dalle «Calzature Campana» di Peveragno (Via Prieri 20, telefono 338.4402424).

 

La trama scorre via veloce, fluida, divertente come sempre, ben congegnata, con il meccanismo, stavolta, de «la fortuna del principiante»: un imprenditore è in grosse difficoltà economiche e si fa sostituire da un «sosia» che, del tutto inesperto, riesce ad azzeccare le giuste mosse e mettere tutto a posto…
Protagonisti sono nomi noti del gruppo, con qualche novità: Gianni Perlo (vero «cardine»), Maresa Costamagna (la fedele segretaria), Angelo Bracco (detective), Claudio Rostagno (la fidanzata), Luciana Garelli (madre della fidanzata), Valer Mocca (banchiere) e Vilma Ghigo, con Vanna Rebuffo suggeritrice. Due nomi sono «a sorpresa», indicati in locandina solo con punto interrogativo: si tratta delle «doppie parti», con Gianni Perlo che interpreta i ruoli dei due protagonisti, ovviamente, l’imprenditore ed il sosia, e con Vilma Ghigo che offre due deliziosi «cammei» (giocatrice e commissario di polizia)… La trama scorre via fluida ed i nuovi arrivati tamponano l’essenza (temporanea, per richiesta di «anno sabbatico») di due storici protagonisti di primo piano del sodalizio: i peveragnesi Vittorio Toselli e Beppe Bersano (non sempre a vedere il lavoro finale presentato sul palcoscenico si riesce a focalizzare bene quanto tempo ed impegno richieda arrivare a simile risultato «da applausi»).
ATos