Che annuncio! Il pilota Nicola Dutto è l’ospite d’onore degli IDEA AWARDS 2019

Nel 2019 Dutto è stato il primo pilota paraplegico a partecipare alla Dakar, mentre quest'anno ha tagliato il traguardo dell'Africa Eco Race. Sarà lui il primo personaggio di copertina del grande evento al Cinema Monviso, lunedì 24 febbraio

0
975
Foto Camilla Fratesi

Non è finita davvero finché non lo decidi tu: il pilota Nicola Dutto lo sa e lo ha mostrato a tutto il mondo. 

Sarà lui uno degli ospiti d’onore degli IDEA AWARDS 2019, la serata dedicata agli Oscar dello sport in Granda, che quest’anno festeggia la sua quinta edizione.

Per chi ancora non lo conoscesse…

Nicola Dutto, affermato e conosciuto pilota beinettese, dal 2004 al 2009 si distingue per due vittorie a livello europeo nella categoria Baja, oltre a due titoli italiani.

La vita decide di rallentare la sua corsa il 20 marzo 2010, mentre gareggia a Pordenone nel campionato europeo Baja (ndr una disciplina che mette insieme rally ed enduro): Nicola all’altezza del fiume Tagliamento non vede un ostacolo e cade dalla sua moto a 150 km/h. L’incidente gli provoca un trauma al midollo spinale, che era stato lacerato e Nick perde l’uso delle gambe in modo permanente.

Come si legge sul suo sito, sono serviti “10 ore di intervento, 4 trasfusioni e poi 10 lunghi mesi per ricominciare in un mondo completamente nuovo”.

Ma la passione per la moto è più forte anche delle sfide della vita e così nel 2012, a soli due anni dall’incidente Nicola torna nel mondo delle corse, grazie ad alcune modifiche apportate alla moto. Ritorna in pista in sella alla Ktm e corre la Baja Espana Aragon in Spagna (500 km in due tappe).

L’anno seguente, nel 2013, è la volta della Baja 500 in Messico, 800 km nonstop di tracciato e Nicola Dutto diventa così il primo pilota paraplegico a gareggiare nel Mondiale Desert Race.

Nel 2019 Nick Dutto si consacra alla storia come il primo concorrente paraplegico a prendere parte alla Dakar. Il rally raid più famoso del Mondo si svolge in Sud America, dove lui partecipa con la sua crew.

Dopo la quarta tappa, per dei problemi tecnici alle moto dei suoi ghost riders, prima quella di Victor e poi quella di Julian, Dutto decide di giocarsi il “Jolly”: la possibilità di uscire prima dalla speciale e raggiungere il bivacco; ma nonostante le indicazioni per un’incomprensione con l’organizzazione è squalificato e costretto a lasciare la competizione.

C’est la Dakar” dicono gli organizzatori, ma noi, con un po’ di rigore sabaudo, possiamo ribattere, “Mais c’est Nicola Dutto” e non sono di certo i burocrati a fermarlo.

Al suo rientro sono in tantissimi a volerlo conoscere, la sua tenacia riesce a trascinare l’entusiasmo anche dei cuneesi meno appassionai di motori, il suo comune, Beinette, lo accoglie con una serata organizzata dall’Associazione Commercianti ed Artigiani di Beinette, perché: «Tutti i beinettesi erano là con te, hanno riso, sofferto e si sono arrabbiati insieme a te» – spiega nel corso dell’evento il Sindaco Lorenzo Busciglio. Non lo cercano solo in Piemonte, anche Milli Carlucci lo vuole e lo ospita a “Ballando con le stelle”.

Riproponiamo le due vide interviste che avevamo realizzato al suo ritorno dalla Dakar:

 

Appena tornato Nick mostra subito voglia di ripartire e annuncia la partecipazione all’Africa Eco Race 2020, il raid nel Sahara che percorre esattamente la route della storica “Paris-Dakar”.

E circa un anno dopo l’annuncio, Nick tagli il traguardo dei 50 anni nel deserto insieme alla sua brigata: l’inseparabile e super compagna di vita Elena Foi, l’amico chef Massimo Camia, i due ghosts riders Julian Villarubia Garcia e Stefano Baldussi e i fondamentali meccanici Alberto Moschera e Stefano Caputo. 

L’equipaggio ha raggiunto il traguardo della Dakar 2020 sulle rive del Lago Rosa a Dakar lo scorso gennaio: tante le emozioni che ci sono state raccontate da Elena tramite i canali social di Nick, che in poche frasi sul suo sito riassume così la sua passione e quella di tutti coloro che in sella a due o quattro ruote inseguono la velocità e i loro sogni:

“Non ho mai odiato la moto o rinnegato quello che ho fatto. Mi reputo un ragazzo fortunato perché ho potuto trasformare una passione in una professione, con tutti i rischi del mestiere. Quando sono in sella mi dimentico di non poter usare le gambe. La moto mi ha spezzato ma mi ha salvato.”

Alcune date importanti…

2004 Campione Spagnolo TT
2006 Campione Spagnolo Rally TT
2008 Campione Europeo Baja
2009 Campione Europeo ed Italiano Baja

2012 Baja Aragon (Spagna) 24 esimo assoluto
2013 Baja 1000 (Messico) 3° classificato
2015 Mondiale Baja 4° assoluto, 1° italiano

2019 Partecipazione alla Dakar

2020 Africa Eco Race

APPUNTAMENTO AGLI IDEA AWARDS

L’appuntamento è per le ore 20.45 di lunedì 24 febbraio: nel corso della serata verranno premiate le squadre ed atleti che maggiormente si sono distinti durante il 2019, insieme ad autorità, sportivi, addetti ai lavori e ospiti prestigiosi, tra i quali ci sarà Nicola Dutto. Non mancheranno novità e sorprese: ingresso libero, vi aspettiamo e… passate parola!