Promozione C: fuga Albese-Busca? Infernotto e Pedona esagerate

L'Azzurra ferma il Villafranca, nel girone D inatteso crollo della Santostefanese

0
508
In foto, Mohamed "Momo" Sellam (Infernotto)

Si è chiuso con qualche risultato a sorpresa il mese di gennaio nel girone C di Promozione, con un diciassettesimo turno che ha regalato emozioni, tra conferme e colpi di scena.

Rientrano sotto la prima voce i successi di Albese e Busca, che non sbagliano su due campi difficilissimi. Vince di rigore la capolista, che vola con due penalty contro i cugini della Cheraschese, realizzati da Delpiano e bomber Messineo, prima che sia Giordanengo a rendere più rotondo il punteggio. Soffre, invece, la squadra di Zabena, che passa in svantaggio a Piscina, complice la rete dopo 16 minuti di Ladogana, ma ribalta il punteggio con la premiata ditta Pedrini-Isoardi, che regala il 2-1 finale proprio come sette giorni fa con il Pedona.

Il tandem al vertice studia la prima prova di fuga, complice il mezzo passo falso del Villafranca, che non supera appieno l’esame del campo di Morozzo, divenuto una mina vagante di questo girone. Finisce 1-1, con l’Azzurra che gioca addirittura meglio e passa in vantaggio con il solito Fenoglio, prima di essere raggiunto da Scaglia.

Al terzo posto, ora, con il Villafranca c’è il Pancalieri Castagnole, che soffre contro una Montatese in crescita ma riesce a spuntarla con lo scarto minimo, grazie al gol di Pietragnello.

Chiude la zona-playoff il Cavour, che non riesce a sbancare Carmagnola, stoppato sullo 0-0 dal Csf, bravo a serrare i ranghi trovando un punto utile per restare a +3 sul Sommariva Perno, quintultimo.

Un pari che fa rimpiangere ai torinesi la possibilità mancata di rientrare sul terzo posto e che fa, per contro, sorridere il Pedona, che torna a -2 dal quinto. Borgarini esagerati sul campo amico contro il Nichelino Hesperia, tramortito da un 6-0 che porta le firme di Marco Dalmasso, Maccario (entrambi autori di una doppietta), Massucco e Pepino.

A giocare a tennis, però, non sono solo i gialloblu. A Barge, infatti, va in scena l’Infernotto-show, con i biancorossi che liquidano la pratica Carignano con Preci e Sellam che ne fanno due a testa, aggiungendosi al gol di Romagnini e all’autorete di Rampazzo.

Si fa così avvincente la cosa al quinto posto, nella quale rientra anche il Valle Varaita, redivivo dopo un inizio traumatico con il Sommariva Perno. Biancoverdi avanti 0-2 con Riorda e Valsania, ma poi raggiunti dalla doppietta di Di Biase, in una ripresa a tinte costigliolesi.

La classifica si conferma così spaccata in quattro blocchi: quello per la corsa al primo posto (dall’Albese al Pancalieri in cinque punti), quello per la zona playoff (dal Cavour alla Cheraschese in quattro punti), quello per evitare il quintultimo posto (dall’Azzurra al Sommariva Perno in quattro punti) e la zona retrocessione (le altre).

Nel girone D, infine, inattesa sconfitta per la Santostefanese, che passa in vantaggio in casa del Barcanova con Gallo ma sparisce nella ripresa e viene ribaltata da Cravero, Roeta e Onjefu, nonostante gli uomini di Strazzo fossero (e siano tuttora) in zona retrocessione.

CLASSIFICA MARCATORI GIRONE C: Fenoglio (Azzurra) 17, Messineo (Albese) 16, Colaianni (Cheraschese) 14.