Cervere, via libera al bilancio 2020: pareggio sopra i 4 milioni di euro, tasse e tariffe bloccate nel triennio

Marchisio: "Facendo gioco di squadra con il Consiglio, utilizzeremo ogni futuro margine a favore di famiglie e imprese come sempre fatto in passato"

0
174

Pareggia sopra l’asticella dei 4 milioni di euro il bilancio di competenza del 2020 proposto a Cervere dalla Giunta comunale e approvato dal Consiglio con i voti favorevoli della lista civica di maggioranza Per il Bene Comune.

La manovra economico-finanziaria lascia invariato il livello della tassazione per tutte le diverse voci di entrata legate a tributi e tariffe, e conferma la scelta, alla base anche degli anni passati, di mantenere alti livelli di servizi tecnici, amministrativi e sociali e piani di lavori pubblici senza costi correnti per i Cerveresi e con l’opportunità di finanziamenti esterni.

Come ho avuto modo di dire in più occasioni, e confermo qui, il Consiglio comunale è nel proprio insieme una grande squadra a favore della Città, e ogni indicazione da esso proveniente è un aiuto al confronto per migliorare sempre le azioni e le attività sul territorio e dare respiro all’economia locale. In questa direzione – è il commento del Sindaco Corrado Marchisio, dopo l’approvazione del documento di bilancio annuale e pluriennale e degli atti di programmazione 2020-2022 – Quello di non gravare su famiglie e imprese, e dove possibile agevolarle vista la già alta pressione a livello centrale, è un principio condiviso, che all’atto pratico deve però confrontarsi con una serie di paletti oggettivi. Limiti che sono legati, da un lato, a nuove riduzioni dei trasferimenti statali – le stesse con cui molti colleghi Sindaci stanno facendo i conti proprio in questi giorni con tagli non piccoli al fondo di solidarietà -, e che dall’altro risentono della necessità di non abbassare l’asticella della qualità delle prestazioni sociali offerte dal Comune: dalla mensa didattica al pre-scuola, passando per il faticoso ma essenziale lavoro volto a dar vita al nuovo progetto di doposcuola; dalle manutenzioni del Centro e delle Frazioni fino alla sicurezza“.

Su alcune di queste voci, come nel caso della mensa, “abbiamo lavorato per promuovere la collaborazione pubblico-privata grazie all’intervento della Fondazione Cr Fossano, mentre su capitoli come la sicurezza del territorio abbiamo messo in pista progetti premiati da ministero e fondazione CrT. E alle manutenzioni stradali dedicheremo ulteriori risorse da altre economie e comunque senza pesare sui Cerveresi”.

Il bilancio e il documento unico di programmazione prevedono, da qui a tutto il 2022, un gettito fiscale e tariffario stabile e non in salita “e questo è già un primo traguardo fondamentale – conclude Marchisio – Va ricordato che, da inizio 2019 a oggi, le indicazioni provenienti da Roma, con le varie leggi finanziarie, tendono all’opposto, cioè a consentire ai Comuni di aumentare le tasse, con lo sblocco all’insù delle addizionali, leva che non abbiamo utilizzato. Il lavoro di squadra fin qui espresso sarà di aiuto per gestire al meglio il bilancio e i margini che sarà in grado di offrire“.

c.s.