Tre imprenditori del braidese denunciati per bancarotta

0
1277

Le Fiamme Gialle della Provincia “Granda” in prima linea nella costante azione di contrasto a tutti fenomeni, “grandi e piccoli”, lesivi dell’economia sana e a tutela dei cittadini onesti.

In questo caso, i finanzieri del Gruppo di Bra hanno portato a compimento due distinte operazioni di servizio che hanno permesso di individuare gravi condotte, a carico degli amministratori di altrettante società, in grado di pregiudicare gli interessi dei numerosi creditori delle medesime, “accompagnate” volontariamente verso l’insolvenza.

Su mandato della Procura della Repubblica di Asti, infatti, i militari del Gruppo di Bra hanno acclarato la sistematica e volontaria spoliazione di una società operante nel settore edile, dedita alla lavorazione dei marmi, i cui amministratori pro tempore, tra il 2012 ed il 2016, alterando le scritture contabili, l’hanno tenuta impropriamente attiva, permettendone l’ulteriore svolgimento dell’attività, ivi compresa la stipula di contratti onerosi, ancorché, in realtà, sussistesse la necessità di avviare un’adeguata  procedura di liquidazione, a causa degli indicatori di dissesto finanziario chiaramente emergenti.

Tra le condotte distrattive certificate, appaiono significative quelle propiziate dalla determinazione di compensi per gli amministratori superiori a quelli deliberati dall’assemblea, grazie alle quali i responsabili sono riusciti a giustificare uscite di cassa pregiudizievoli per i veri creditori dell’impresa.

Su un altro fronte d’indagine, coordinato dalla medesima Autorità Giudiziaria, i riflettori investigativi sono stati puntati su un’altra società operante nel contesto edile, specializzata nelle operazioni di ristrutturazione e rivendita di immobili comprati a buon mercato, nell’ambito della cui gestione gli amministratori pro tempore hanno distratto una buona parte delle consistenze patrimoniali, sfruttando schemi restitutori artificiosamente elaborati, privando i reali creditori del normale ristoro.

In particolare, soggetti appartenenti a noti industriali albesi, oltre ad aver escogitato numerosi stratagemmi per estinguere posizioni debitorie (presumibilmente fittizie) con altri soggetti giuridici riconducibili alla medesima famiglia, hanno impiegato un prestanome per provare a sfuggire alle responsabilità scaturenti dalla realizzata distrazione.

Nel complesso, l’azione delle Fiamme Gialle di Bra ha permesso di accertare 300.000 euro di valore relativo alle risorse illecitamente sottratte al patrimonio delle società controllate e di denunciare tre responsabili per i reati, previsti dalla normativa fallimentare, di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale.

Con queste due ennesime operazioni svolte dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, si conferma la presenza ispettiva non solo a beneficio delle casse erariali, connessa alle ordinarie attività di polizia tributaria, ma anche a supporto della locale imprenditoria, a tutela di tutti i cittadini.

c.s.