Carrù: entra nel vivo la Fiera del Bue Grasso. Il Sindaco Ieriti: «Oggi ho visto passione e magia» (FOTO E VIDEO)

Appuntamento domenica mattina per la premiazione dei buoi

0
467

E’ ufficialmente entrata nel vivo la 109^ esima edizione del Bue Grasso di Carrù, che quest’anno accoglierà i visitatori e gli appassionati per ben quattro giorni.

Questa mattina dalle ore 6 gli allevatori hanno esposto i loro capi di bestiame per la valutazione da parte della giuria: verso le 11 sono state premiate le categorie dei manzi della coscia, migliorati, nostrani, castrati, le vitelle i tori e le manze grasse; invece per  la premiazione dei buoi l’appuntamento è per domenica mattina.

Per la prima volta nella storia  il pubblico potrà votare personalmente il Re della Fiera.

Molte le persone presenti questa mattina a Carrù per le premiazioni e per il “Bollito no stop”, che come sempre richiama turisti dalle regioni vicine e non solo.

Il Sindaco di Carrù Stefania Ieriti ha accolto tutti con un grande e caloroso ringraziamento destinato agli sponsor,  ai volontari e gli allevatori, che nonostante le critiche degli ultimi giorni sul nuovo format dell’evento, continuano a credere e a sostenere questa fiera che merita davvero di raggiungere l’obiettivo dell’internazionalità.

Tra le autorità intervenute anche il Consigliere Regionale Paolo De Marchi che ha portato i saluti del Presidente della Regione Alberto Cirio, Andrea Quaglino direttore dell’Anaborapi e  Giovanni Cappa, Presidente della Banca Alpi Marittime, main sponsor e grande sostenitore dell’evento.

Due premi speciali sono stati consegnati rispettivamente a Franco Tomatis di Magliano Alpi, che ha ricevuto il premio “Bravom” e Franco Massimino che festeggia oggi i 25 anni all’interno della giuria della Fiera.

Tutti gli allevatori hanno ricevuto le tradizionali gualdrappe, dipinte da Bruno Bianco, che quest’anno celebrano il castello di Carrù, sede della BAM.

Stima la pesa

A vincere la sfida di “Stima la pesa” in questa prima giornata di fiera è stata Marinella Lucca, a cui va la bottiglia di Magnum offerta da Cantina Clavesana.

La stima fatta è stata di 940 kg (totale 936 kg bue+4 kg bottiglia)

Il primo premio per la categoria Manzi Grassi della coscia è andato a Luigi Carlo Vallino di Marene.

Manzi Grassi della coscia

1. Vallino Luigi Carlo di Marene
2. Fruttero Giuseppe e Andrea di  Trinità
3. Martinengo Romina di Rocca de’ Baldi

Manzi grassi migliorati
1. Sansoldo Gualtiero di Tarantasca
2. Roccia Silvio di Fossano
3 Alberto Streri di Margarita

Manzi grassi nostrani

1. Abello Ivan di Villar San Costanzo
2. Revelli Maria Giuseppina di Clavesana
3. Ferrero Antonella di Gabiano

Vitelli castrati
1. Ferreri Giuseppe di Carrù

Tori
1. Isaia Carlo di Cuneo

Vitelle

  1. Fratelli del Delsoglio di Fossano

Manze Grasse
1. Bersano Dario Villafaletto

Vacche grasse

  1. Società agricola Colombero Caraglio