Ex Palazzo di Giustizia di Saluzzo: qualcosa si muove

Grazie all’interessamento dell’On.le Chiara Gribaudo e dell’On.le Andrea Giorgis, Sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia

0
337

Potrebbero esserci novità sull’iter che dovrebbe consentire alla Città di Saluzzo di rientrare nel pieno possesso dell’ex Palazzo di Giustizia (in cui attualmente operano ancora i Giudici di Pace), l’utilizzo del quale sarebbe strategico per diversi servizi pubblici cittadini.

Risale infatti a qualche settimana fa il coinvolgimento da parte del Comune, grazie all’interessamento dell’On.le Chiara Gribaudo e dell’On.le Andrea Giorgis, Sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia, al quale il Sindaco ha consegnato una dettagliata relazione che riassume tutte le tappe della vicenda, il cui contenuto è stato in parte anche illustrato nell’ultima seduta del Consiglio Comunale.

Come si ricorderà, nel caso dell’ex Palazzo di Giustizia di Saluzzo, la restituzione al Comune non è finora andata a buon fine, a causa della norma secondo la quale possono essere restituiti soltanto gli edifici per i quali non vi siano mutui in corso. Nel caso di Saluzzo, i mutui esistenti sono stati rinegoziati direttamente dal Ministero e sono interamente a carico dello Stato, e logica vorrebbe che non dovrebbero esservi impedimenti.

Immediato è stato l’interessamento alla vicenda da parte del Sottosegretario On.le Giorgis, che si è attivato direttamente presso il Ministero per le iniziative del caso, alla ricerca di soluzioni tecniche che consentano di superare la situazione di stallo, e che proprio in questi giorni sono in corso di approfondimento. Si confida nel buon esito che consentirebbe di poter riutilizzare spazi ampi e molto funzionali, ormai vuoti da alcuni anni, valorizzando così un patrimonio prezioso ed indispensabile per tutti i cittadini saluzzesi.

c.s.