Ceva: gli studenti del Baruffi alla scoperta del Castello Rosso grazie al progetto “D’Acqua e di Ferro”

Da martedì 10 dicembre lezioni in aula e rilievi in situ con il Politecnico di Torino e l’Istituto Italiano dei Castelli

0
927

Avranno inizio il prossimo 10 dicembre gli incontri organizzati dal progetto “D’Acqua e di Ferro” (promosso dall’Unione Montana Alta Val Tanaro in collaborazione con la città di Ceva e sostenuto dalla Compagnia San Paolo di Torino, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino) finalizzati ad accrescere nelle nuove generazioni la conoscenza dei beni storici e culturali del territorio.

Un momento di divulgazione didattica di cui beneficeranno le classi del triennio in Costruzioni, Ambiente e Territorio del Baruffi di Ceva (referenti i Professori Lorella Franco e Michele Cocca), che avranno altresì la possibilità di prendere parte ad operazioni di rilievo strumentale e di restituzione grafica. Accattivanti ed eterogenei gli argomenti che il Dott. Sebastiano Carrara (Presidente della Delegazione di Cuneo dell’Istituto Italiano dei Castelli) e il Dott. Luca Finco (Ricercatore del Politecnico di Torino – Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio) affronteranno nelle prime due lezioni in aula, previste come detto il 10 e il 17 dicembre prossimi: dal Marchesato di Ceva quale esempio di sistema fortificato di un territorio, alla fondazione e all’evoluzione del Castello Rosso; dall’analisi del bene architettonico stesso, all’inquadramento cartografico e al rilievo geometrico.

L’intera iniziativa terminerà infine nella prossima primavera con una giornata-studio in Castello nella quale si presenteranno gli elaborati degli studenti e si analizzeranno parimenti i dati rilevati con l’indagine in situ. Per informazioni: dacquaediferro@gmail.com.

cs