Home Attualità Creativamente Roero: Gian Luca Favetto, cartografo emozionale di Vezza d’Alba (FOTO e...

Creativamente Roero: Gian Luca Favetto, cartografo emozionale di Vezza d’Alba (FOTO e VIDEO)

0
254

Foto Massimo Canta - Ideawebtv.it

Esistono ancora dei luoghi per nulla intaccati dalla frenesia cittadina, in cui le vite di uomini e donne scorrono come legate a altro piano esistenziale, luoghi in cui sono ancora salde le radici che legano al territorio, e più in generale alla natura. Luoghi che non sono degli eremi sperduti, ma piuttosto delle piccole gemme custodite tra boschi e filari. E ci sono delle opere d’arte che, grazie alla loro espressività, hanno la capacità di avvicinarci a questi luoghi e di farci riscoprire una bellezza rimasta ingiustamente celata.

Da qualche anno, Creativamente Roero offre al pubblico un itinerario che si articola attraverso i borghi del Roero dove alcuni importanti artisti hanno realizzato ed esposto una propria opera in linea con il tema proposto. Quest’anno il bosco è il filo conduttore. Una parte integrante della vita di questi comuni. Gli artisti hanno potuto soggiornare in alcune residenze apposite per cogliere al meglio la complessità e le vibrazioni di questi territori così da restituire nella forma artistica più congeniale a ognuno di loro l’esperienza vissuta.

L’obiettivo di questo progetto è di valorizzare al meglio delle località, che già di per se stesse sono dotate di una immensa ricchezza, attraverso il linguaggio del contemporaneo, la parola, la musica e l’arte figurativa.”In questo modo è possibile instaurare uno scambio reciproco tra la capacità di accoglienza tipica di questo territorio e la capacità dell’arte di mettersi in relazione con le persone“, afferma la direttrice artistica Patrizia Rossello.

Il primo appuntamento di Creativamente Roero vede coinvolta Vezza d’Alba. Qui è stata presentata l’installazione di Gian Luca Favetto, poeta, scrittore e drammaturgo. A partire da piazza San Bernardo un percorso poetico accompagna i visitatori per le vie del centro storico, dove sono affissi su pannelli appesi ai balconi delle case frammenti di un componimento poetico da lui realizzato. Una poesia non suddivisa per versi, ma costituita da frammenti dislocati in modo che ogni parola possa rispecchiare lo scorcio di paese sul quale si affaccia e così fornire una mappa emotiva del paese e dei boschi circostanti. Per la sua poesia, titolata “Il paese con un bosco per cappello”, Gian Luca Favetto ha  trovato l’ispirazione a partire dal roccione boschivo che sovrasta la Piazza principale di Vezze ed è immediatamente visibile non appena si solleva lo sguardo.

La presentazione dell’installazione è stata accompagnata dai fiati di Martin Mayes, cornista scozzese che il City of London Festival ha descritto come “un architetto dell’immaginazione musicale”, così che parola e musica hanno ricreato quel connubio originario tra verso e ritrmo che caratterizza da sempre l’essenza stessa della poesia.

Oltre alla propria opera, G Favetto ha dedicato ai vezzesi un secondo componimento poetico, un omaggio in versi per celebrare la città che ha ospitato la sua opera:

Sei tu il paese che ha un bosco per cappello

che è un bosco e un cappello

un santuario.

una piazza

un museo

una serie di frazioni

una tartufaia

e un lago di loto

che fanno delle sue viti

della sua pera

e delle pesche

un sogno

fra mare e terra