Bra, Cheese 2019: tutti gli incontri e conferenze di domenica 22 settembre

0
194
(foto Danilo Lusso - Ideawebtv.it)

Giornata che si preannuncia ricca di incontri e conferenze a tema all’interno di Cheese 2019 che ha richiamato in questo fine settimana migliaia di persone per le vie di Bra. Eccole nel dettaglio.

Domenica 22 settembre

Ore 11:00 – Cortile Scuole Maschili – Casa della Biodiversità

Pastori di Sardegna – Conferenze

I formaggi pastorali della Sardegna vivono da alcuni anni una crisi molto grave. In un territorio relativamente piccolo si allevano circa tre milioni di pecore, il cui latte di alta qualità, prodotto grazie ai pascoli ricchi di biodiversità dell’isola, è venduto prevalentemente a caseifici cooperativi che lo destinano alla produzione di Pecorino romano Dop e Pecorino sardo Dop. Nel tempo la qualità dei formaggi si è massificata e banalizzata e il prezzo del latte è crollato.

Qual è il futuro della pastorizia sarda? Ritornare alla vocazione di questa terra: caseificazione a latte crudo in azienda, esaltazione dei territori e formaggi di qualità pagati al giusto prezzo. Slow Food ha raccolto questa sfida e si sta impegnando a far crescere nuovi Presìdi in Sardegna. Modera Piero Sardo, Presidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità. Intervengono:

· Stefano Olla, coordinatore Presìdi Slow Food sulla pastorizia in Sardegna (Italia)

· Anna Kauber, regista, paesaggista, scrittrice

· Salvatore Bussu, referente e produttore del Presidio Slow Food fiore sardo dei pastori

· Giovanni Mele, produttore di pecorino della Baronia

· Rosa Canu, produttrice della fresa di Ittiri

Ore 11:00 – Via Cavour, Il caffè delle parole

Le due sfide del cibo: innovazione e tradizione – Incontro

Gli orizzonti futuri del mondo dell’alimentazione e i loro risvolti sulle vite di domani. Intervengono: Maurizio Molinari, direttore La Stampa; Carlo Petrini, presidente di Slow Food. Introduce Massimo Mathis, La Stampa.

Ore 11:00 – Piazza XX Settembre – Università di Scienze Gastronomiche

Personal Shopper – Eventi Unisg – Visite guidate

Personal Shopper: tour guidati alla scoperta dei prodotti di questa edizione di Cheese, con la possibilità di conoscere i produttori e il loro lavoro, partecipare a degustazioni e farsi consigliare le migliori prelibatezze da acquistare. Affidatevi agli studenti Unisg per sfruttare al meglio la vostra visita a Cheese 2019. Evento itinerante con partenza dallo stand Unisg. Costi 10€, 8€ per i soci Slow Food. Si ripete alle ore 16:00.

Ore 13:00 – Piazza Carlo Alberto – Consorzio Mozzarella e Ricotta di Bufala Campana Dop

Le sorelle di bufala Dop: come conoscere e riconoscere la Mozzarella e Ricotta di Bufala Campana Dop – Eventi dei Partner – Laboratorio

Come si riconosce una buona mozzarella di bufala? Che caratteristiche deve avere? E la ricotta di bufala, come si ottiene? Un Laboratorio dedicato a due sorelle illustri, eccellenze campane e rappresentanti del made in Italy nel mondo. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Ore 14:30 – Piazza XX Settembre – Piazza del Gelato

Scopri l’ingrediente: il burro nel gelato – Laboratorio del Gelato

Il non può essere considerato un ingrediente vero e proprio nel gelato, rappresenta piuttosto un sapore da tradurre in gusto. Nei vari appuntamenti ogni coppia di Maestri Gelatieri ne darà la sua interpretazione. Domenica 22: Alberto Marchetti e Roberto Lobrano, cofondatori della Scuola internazionale di alta gelateria (Sidag). In collaborazione con Inalpi. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Ore 15:00 – Piazza Spreitenbach – Assopiemonte Dop & Igp – Regione Piemonte | Incontri

Slow Food Travel: i territori delle Montagne Biellesi e delle Valli dell’Alto Tanaro

Slow Food presenta i primi due territori Slow Food Travel italiani: le Montagne Biellesi e le Valli dell’Alto Tanaro. Slow Food Travel è un progetto di territorio che mette al centro il cibo e la sua produzione, promuovendo esperienze di viaggio coerenti con la filosofia del buono, pulito e giusto. Un incontro per scoprire le esperienze e le eccellenze gastronomiche di questi territori: dagli alpeggi del Biellese dove si producono il Presidio del burro a latte crudo della Valle Elvo e la tuma magra, alle castagne e alle paste di Meliga delle Valli del Tanaro. Un invito a scoprire queste due regioni ancora poco conosciute del Piemonte che grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, rappresentano un modello innovativo di sviluppo sostenibile attraverso il turismo gastronomico di qualità. Incontro con degustazione.

Ore 16:00 – Principi di Piemonte – Auditorium CRB

I salumi naturali. Allevamento, razze, liberi da nitriti – Conferenze

Se volessimo andare all’origine di un salume, dovremmo partire dalle razze allevate e dalle pratiche di allevamento. Ci sono salumi realizzati con carni di razze autoctone, allevate allo stato brado o semibrado, libere di assecondare i propri comportamenti naturali e alimentate bene, integrando quel che reperiscono grufolando all’aperto con foraggio verde e granella a base di mais, orzo, frumento, crusca, leguminose proteiche… È facile che da un allevamento attento al benessere animale derivino salumi naturali, prodotti utilizzando solo conservanti naturali come sale, pepe, peperoncino, spezie, fumo.

Dall’altra parte, ci sono gli allevamenti industriali, dove spesso gli animali sono confinati in spazi angusti, con poca o nessuna possibilità di muoversi, giocare o esplorare. Nella loro alimentazione rientrano urea, insilati, mangimi contenenti Ogm che ne facilitano una crescita maggiore e più rapida, e anche antibiotici, ormoni, coccidiostatici, stimolanti artificiali.

È facile che questo elenco si allunghi nella produzione di salumi che implicano l’utilizzo di starter, coloranti, conservanti, caseinati, addensanti, nitriti e nitrati utili a preservare le carni da contaminazioni microbiche, ma anche a migliorarne la consistenza e l’aspetto. Quali sono gli impatti ambientali di sistemi tanto diversi? Il benessere animale può fare la differenza anche in termini di gusto? E quali le indicazioni che dovremmo tenere presenti per tutelare la nostra salute? Si potrebbe pensare infatti che da allevamenti rispettosi del benessere animale derivino automaticamente salumi naturali, prodotti utilizzando solo conservanti naturali come sale, pepe, peperoncino, spezie, fumo. Purtroppo non è così, spesso anche chi lavora carni di qualità al momento della trasformazione usa nitriti e nitrati.

Intervengono:

· Alcide Boullis, allevatore di porc blanc de l’Ouest, Arca del Gusto Francia

· Vittorio Fusari, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei cuochi e produttore di salumi naturali Luca Garavaglia, produttore Presidio razza varzese

· Jacopo Goracci, zootecnico Tenuta di Paganico

· Stefano Liberti, giornalista e scrittore

Modera Piero Sardo, presidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus

Ore 18:00

Guerra e Pane – Incontro

Via Cavour – Il caffè delle parole

Una chiacchierata intorno all’ultimo volume della Piccola Biblioteca di Cucina Letteraria firmato da Margherita Oggero che ci fa entrare in punta di piedi nella vita di una delle maggiori scrittrici italiane contemporanee, tra ricordi dell’infanzia e piatti della memoria. Intervengono: Margherita Oggero, scrittrice; Bruno Giordano Ventavoli, Tuttolibri La Stampa.

Ore 20:30 – Via Vittorio – Cinema Impero

Soyalism – Proiezione

Soyalism mostra come in un mondo sempre più sovrappopolato e vittima dei cambiamenti climatici, il controllo della produzione dei beni alimentari sia diventato un enorme business per una manciata di poche gigantesche aziende. Seguendo la filiera di produzione industriale della carne suina, dalla Cina al Brasile passando per Stati Uniti e Mozambico, il documentario descrive l’enorme movimento di concentrazione di potere nelle mani di queste multinazionali del cibo, che stanno mettendo fuori mercato centinaia di migliaia di piccoli produttori e trasformando in modo permanente interi paesaggi.

A partire dai mega-allevamenti intensivi in Cina fino alla foresta amazzonica minacciata dalle coltivazioni di soia sviluppate per nutrire animali confinati in capannoni dall’altra parte del mondo, questo processo sta pregiudicando gli equilibri sociali e ambientali del pianeta. Regia: Stefano Liberti e Enrico Parenti Anno: 2018 Durata: 70’ Lingua originale: francese, portoghese, inglese Sottotitoli: italiano. Il biglietto ha un costo di 4,50€ ed è acquistabile alle casse del cinema. Stefano Liberti interviene al dibattito. Cinema Impero Multisala: Via Vittorio Emanuele II, 211