Campionato italiano a squadre di Handbike: la prova di Fossano “illustrata” a Cussanio (VIDEO e FOTO)

Si tratta di una gara in linea, un circuito cittadino di 3,5 chilometri e che dovrà essere ripetuto 9 volte per un totale di 31,5 km (domenica 22 settembre) con partenza e arrivo da via Roma

0
404
Uno scatto della conferenza stampa di presentazione a Cussanio (foto Danilo Lusso - Ideawebtv.it)

La prova del Campionato italiano a squadre di Handbike, che si svolgerà a Fossano domenica 22 settembre, è stata presentata ieri sera in una conferenza stampa svoltasi all’hotel “Giardino dei Tigli”, in frazione Cussanio.

Sarà, anche e soprattutto, il “Trofeo Città di Fossano, 14° memorial Serena”, in memoria di Serena Tavella, nata il 6 marzo 1974 e scomparsa il 23 settembre 1995 in seguito ad un incidente stradale. Figlia di Beppe Tavella, organizzatore della tappa fossanese.

Si tratta di una gara in linea, un circuito cittadino di 3,5 chilometri e che dovrà essere ripetuto 9 volte per un totale di 31,5 km. Percorso: via Roma nei pressi di piazza Manfredi, via Marconi, via Nazario Sauro, via Matteotti, via San Giuseppe, Salita Salice, viale Regina Elena, via Cherasco, corso Trento, via I Maggio, piazza Diaz e via Roma. Partenza alle ore 10,30.

L’associazione Passo onlus di Cuneo, “mente logistica” della kermesse, prenderà parte alla gara con ben sette atleti portacolori. Cinque le categorie maschili e femminili nelle quali gli handbikers “si daranno battaglia”.

Fossano, oltre all’imminente Campionato italiano a squadre per la quattordicesima volta, aveva avuto l’onore di ospitare il Giro d’Italia Handbike.

Al tavolo dei relatori, si sono passati il microfono: Remo Merlo (responsabile sportivo Passo Cuneo), Monica Ferrero (segretario generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Fossano), Donatella Rattalino (assessore del Comune di Fossano) e Claudia Martin (delegata Coni piemontese per la provincia di Cuneo). In prima fila, tra gli atleti della Passo, Maurizio Tallone (presidente), Valentina Rivoira (campionessa italiana) e Claudio Mirabile.