Il Panathlon Club Cuneo festeggia 50 anni di sport sano e dedizione (FOTO E VIDEO)

Il Club sportivo cuneese ha celebrato oggi mezzo secolo dalla sua fondazione con il Presidente Internazionale Pierre Zappelli

0
244

Il Panathlon Club di Cuneo ha celebrato oggi mezzo secolo dalla sua Fondazione, il Presidente, Giovanni Mellano, ha accolto tutti i presenti con un caloroso benvenuto, ricordando l’impegno del club, sempre in prima linea per lo sport e, soprattutto, per i giovani, con borse di studio dedicate.

La manifestazione, svoltasi questa mattina presso l’Hotel La Ruota di Pianfei, ha ripercorso i momenti più significativi della storia del club, attraverso il ricordo degli atleti e dei passati presidenti, tra i soci anche grandi nomi dello sport cuneese come Marco Olmo e Stefania Belmondo che ha ricordato che è importante trasmettere ai giovani che scuola e sport possono, anzi devono andare di pari passo, in video il suo intervento nel corso della mattinata:

Lo scopo del Panathlon è ancora una volta cercare di diffondere il pensiero che è fondamentale educare attraverso lo sport e nello sport perché i ragazzi diventino cittadini con senso dell’onore.

Cristina Clerico, Assessore allo sport del comune di Cuneo, ha portato i saluti del Sindaco, Federico Borgna,  evidenziando l’importante rapporto di stima assoluta e sostegno tra il Comune e il Panathlon.

Claudia Martin, Delegato Provinciale del CONI e consigliere della CRC, ha portato il saluto del Presidente, Giandomenico Genta ed è intervenuta per ricordare a tutti l’importanza di sfatare il mito della contrapposizione tra rendimento scolastico e sport:

Lo sport come senso di appartenenza a una comunità e fonte di ispirazione per le sfide della vita quotidiana, questo è ciò che il Panathlon Club ha cercato di trasmettere in tutti questi anni, come ricordato da Paolo Bongioanni, neo eletto consigliere regionale.

Ferruccio Dardanello, Presidente C.C.I.A.A. Cuneo, ha dato interessanti spunti di riflessione sull’educazione attraverso lo sport e la famiglia.

Il Presidente del Distretto Italian Panathlon International, Giorgio Costa, ha invitato tutti a non dimenticare che lo sport per i giovani deve essere in primis divertimento e amicizia.

La festa del Panathlon è stata suggellata dalla presenza della Prof.ssa Adriana Balzarini, consigliere del Direttivo Club Panathlon del Mottarone e Referente per l’Area 3 Piemonte e Valle d’Aosta, che ha portato la fiaccola dei giochi Olimpici del 1948, donata dalla famiglia Ripa di Meana.

La mattinata è stata chiusa dall’intervento del Presidente del Panathlon International Pierre Zappelli, che riproponiamo in video: