Garessio: il caso “Marachella” fa nuovamente discutere. Di Steffano: «Abbiamo già informato i nostri legali»

A distanza di anni, la vicenda è tornata a far discutere, infatti, il comune è stato citato in giudizio con conseguente richiesta di danni per 600 mila euro. 

0
869

Torna ancora a far discutere il Caso Marachella, riguardante il colosso multiservizi, che nel 2014, in seguito al fallimento, aveva creato notevoli inconvenienti alla cittadina di Garessio.A distanza di anni, la vicenda è tornata a far discutere, infatti, il comune è stato citato in giudizio con conseguente richiesta di danni per 600 mila euro.

Abbiamo contattato il Sindaco uscente Sergio Di Steffano per una dichiarazione in merito.

«E’ una questione molto spinosa, iniziata prima del mio mandato. Nel 2014 questa amministrazione ha “ereditato” questo sgradevole problema e pensavamo che non se ne dovesse più parlare dopo tanti anni, invece non è stato così» – ha spiegato il primo cittadino – «Dopo la citazione abbiamo immediatamente provveduto a informare il nostro legale di Torino, il problema sarà risolto nelle opportune sedi. Il comune dal canto suo, dal 2014 ad oggi, ha agito in maniera trasparente ed è riuscito a garantire la riapertura degli impianti sciistici, purtroppo, come detto, il caso si è verificato prima del nostro insediamento, è stata un’eredità spiacevole».