Vinum solidale: il progetto Emmaus presente con il il vino “8mani”

Domani, sabato 27 aprile 2019 alle ore 18, 8mani sarà presente con la degustazione che si terrà in sala Beppe Fenoglio

0
593
Foto di repertorio

8mani è il vino di Progetto Emmaus, società cooperativa sociale, che da oltre 20 anni si occupa, sul nostro territorio, di persone con disabilità e fragilità socio/relazionali. Il progetto nasce nel 2015 con l’associazione.

SoloRoero, oggi anche insieme all’azienda Matteo Correggia, e coinvolge sei persone nella realizzazione di due ottimi vini roerini, attraverso la partecipazione diretta a tutte le fasi di produzione (agricola, di cantina e promozione). L’obiettivo è un prodotto che è, prima di tutto, un bene relazionale che raccoglie al suo interno le storie delle persone che lo producono, le loro relazioni e passioni, i loro sogni. Per maggiori informazioni sul progetto

Domani, sabato 27 aprile 2019 alle ore 18, 8mani sarà presente a Vinum, con la degustazione che si terrà in sala Beppe Fenoglio, nel Cortile della Maddalena in occasione di Sorsi solidali ad Alba – Vinum incontra il sociale

Così come nel 2018,  anche quest’anno 8mani andrà in scena insieme ad altri vini ‘solidali’ come il friulano Morus Morar della Cooperativa Contea e ai produttori di Vitematta di Casal di Principe (CE). Sarà una degustazione di tre vini eccellenti, peraltro premiati al concorso Sorsi Solidali che si è svolto a settembre 2018 e che avranno l’opportunità di raccontare le storie che li rappresentano.

Morus Morar è un vino prodotto nel comune di Moraro in Friuli Venezia Giulia, su un terreno che l’amministrazione comunale ha dato in gestione alla cooperativa sociale Contea che si occupa della produzione del prodotto attraverso l’inserimento attivo di persone svantaggiate, reinserite attivamente nel lavoro agricolo per permettergli di ritrovare stimoli e interessi acquisendo nuova autonomia.

Vitematta è un marchio della cooperativa Eureka che gestisce circa 11 ettari di terreni confiscati alla camorra tra Casal di Principe e Santa Maria La Fossa, di cui una parte con produzione biologica, producendo una vasta gamma di frutta tra cui uva da vino, albicocche, pesche, mela annurca, prugne, venduta a km zero secondo il principio della filiera corta, inserendo nell’azienda persone svantaggiate. I prodotti vengono commercializzati con il marchio ad ombrello “N.C.O. Nuovo Commercio Organizzato”: un progetto di rete che vede la cooperativa Eureka, insieme ad altre realtà di cooperazione del territorio, promuovere un’altra economia, alternativa a quella camorristica, che sia prima di tutto sostenibile e attenta ai bisogni delle persone, con particolare attenzione per quelle in difficoltà.

Avremo quindi l’occasione di raccontare ancora la nostra storia, che sarà ben accompagnata dalla ricchezza delle storie delle altre realtà presenti alla degustazione condotta da Lorenzo Tablino.

La degustazione è gratuita ma occorre prenotarsi al link qui

Vi aspettiamo numerosi!

cs