Hockey Femminile: Lorenzoni Bra, con l’Argentia un pari combattuto

0
194
In foto Huertas (Lorenzoni Bra)

Finisce 3 a 3 la delicata sfida di Cernusco fra Lorenzoni ed Argentia nella Serie A femminile di Hockey. Per tre volte in vantaggio le neroturchesi si sono fatte raggiungere per tre volte dalla formazione locale. La contemporanea vittoria dell’Amsicora lancia le cagliaritane a + 6 con tre sole gare da disputare.

Una leggera pioggia bagna il campo lombardo dove la Lorenzoni affronta una delle formazioni più in forma del momento, l’unica in grado di fermare la capolista in questa stagione. La Lorenzoni scende in campo spavalda e spinge in cerca del vantaggio. Tosco protagonista nel primo quarto con un rovescio sparato alto da ottima posizione e la successiva rete del vantaggio dopo un dribbling sotto porta ai danni dell’ex Mortarino.

L’Argentia si spinge in avanti e trova il pari su corto: esecuzione non perfetta ma il batti e ribatti che segue porta al pareggio.

La Lorenzoni prova a sfruttare un momento di calo delle avversarie e trova il nuovo vantaggio con un perfetto corto della specialista Huertas.

Si fa male Savenko ma l’attaccante neroturchese stringe i denti per aiutare le compagne.

L’Argentia prova le ripartenze veloci ed ottiene un corto: variante con spizzo imparabile per Sorial e nuovo pareggio locale.

Nel terzo quarto la Lorenzoni comincia di nuovo in avanti: Tosco spara di nuovo alto da buona posizione e Fabro ci mette poca forza a tu per tu con Mortarino. Serve un nuovo corto di Huertas per il nuovo vantaggio braidese.

L’Argentia colleziona corti sul finale di terzo quarto: bene Sorial e tutta la difesa fino allo scadere quando l’Argentia trova la rete del definitivo 3 a 3.

Nell’ultimo quarto occasionissima per la Lorenzoni: il corto di Huertas va a sbattere contro la traversa a Mortarino battuta, nel finale forcing locale con due corti neutralizzati dalla retroguardia braidese.

Domenica prossima la Lorenzoni sarà impegnata a Pisa contro un Cus un po’a sorpresa in lotta per restare in Serie A1.

Nel campionato U16, invece, il “big match” del girone A tra Lorenzoni e Cus Torino si conclude con il risultato di parità di 2-2 alla fine di un incontro ben giocato da entrambe le formazioni che ha divertito il numeroso pubblico presente.

Parte bene la Lorenzoni che costringe le avversarie nella propria metà campo in quello che sarà il leitmotiv della partita: Braidesi che orchestrano azioni a ripetizione e Torinesi che ben si difendono pronte a colpire con rapide ripartenze.

Supremazia territoriale quindi per la Lorenzoni, ma si vede già dalle battute iniziali che le polveri delle attaccanti oggi sono un po’bagnate: fra l’imprecisione delle nostre e la buona prestazione del giovane portiere cussino il risultato non si sblocca.

La Lorenzoni passa finalmente al 15′ con Rebecca Piccolo su azione di corner corto, ma dopo pochi minuti arriva il pareggio grazie ad un coast to coast di Chiara Di Bella che dopo aver superato mezza difesa braidese insacca con un preciso tiro di rovescio.

Nel secondo tempo il copione rimane invariato e nuovamente le braidesi, dopo una serie incredibile di tentativi andati a vuoto, si portano in vantaggio con la “solita” Rebecca, ma la gioia dura poco, perché con un azione fotocopia del primo tempo ll Cus pareggia nuovamente con Chiara Di Bella.

Il finale è un forcing delle nostre alla ricerca del gol della vittoria ma la porta avversaria sembra stregata, c’è ancora il tempo per un bel salvataggio sulla linea di Martina Brunetti su azione di corto delle torinesi e per un paio di occasioni ancora sciupate dalle nostre.

Il fischio finale decreta un pareggio che sta un po’stretto alla Lorenzoni e a dimostrazione di questo ci sono i festeggiamenti delle torinesi a fine partita.

Soddisfatto in parte comunque Massimo Anania, conscio che una giornata storta degli attaccanti ci può stare, importante sarà non ripetersi nella partita di ritorno.

Entrambe le formazioni comunque hanno dimostrato che saranno sicure protagoniste delle finali che si terranno a Roma a fine Giugno e per la cui qualificazione manca solo il suggello della matematica, visto il divario rispetto alle altre squadre del girone.

c.s.