Si chiude con il botto la quinta edizione di Monforteatro

La compagnia teatrale "Coincidenze" mette in scena "Sono sempre in ritardo di un anno", domenica 31 marzo

0
430

La rassegna teatrale Monforteatro arriva al termine della quinta edizione con la novità degli spettacoli proposti la domenica pomeriggio, alle 17, accompagnando l’ingresso degli spettatori nell’elegante teatro comunale di Monforte con te e biscotti offerti dalla compagnia teatrale Coincidenze di Alba, che oramai da anni organizza la rassegna con la collaborazione del Comune di Monforte e della Pro Loco.

Sono rimasti nella formula della rassegna la presentazione di spettacoli di compagnie locali o limitrofe e l’ingresso gratuito, salvo libera offerta “a cappello” alla fine dello spettacolo. Si stanno avvicendando sul palco sei commedie per allietare i pomeriggi monfortesi: dopo l’esordio col Piccolo Teatro di Bra, PTB, con Tutta colpa del diavolo, dopo compagnia Kabuki di Bagnolo Piemonte con la commedia Il Matrimonio perfetto di Robin Hawdon, e la Compagnia In Palcoscenico di Santena con Striature a marzo due commedie in piemontese: dopo la compagnia Banda Brusca di Benevagienna, son arrivate le Tote Vigiote del Nostro Teatro di Sinio domenica 17 marzo.

Chiude la rassegna la compagnia teatrale di casa, Coincidenze, domenica 31 marzo, con “Sono sempre in ritardo di un anno”, la commedia brillante scritta nel 2007 da Corrado Vallerotti, attore della Compagnia “Primoatto” presso il Teatro del marchesato di Saluzzo, autore di testi teatrali e curatore di adattamenti per numerosi spettacoli. La commedia fa parte del filone “teatro nel teatro”: assistiamo infatti alla messa in scena delle disavventure di una squinternata compagnia teatrale alle prese con l’allestimento di “Giulietta e Romeo” di Shakespeare.

Gli imprevisti però non mancano e il regista ha il suo da fare per fronteggiare le bizze dei diversi attori, ognuno con i propri tic, frustrazioni o innamoramenti, senza contare i rapporti problematici con la proprietaria del teatro, la barista e l’unico sponsor (un salumificio). Grazie ad un meccanismo ricco di ritmo, gag vivaci e situazioni esilaranti, e ad una pittoresca galleria di personaggi quantomeno stravaganti, il pubblico verrà irresistibilmente trascinato fino alla demenziale prima rappresentazione.

c.s.