Dogliani: le Madonne delle Langhe e del Monregalese nei dipinti di Nadia Lavrova (FOTO)

Durante l’incontro del 6 aprile a Dogliani verrà presentato l’album: “Madonne e Santi nei dipinti di Nadia Lavrova ripresi da affreschi tardo gotici nelle chiese e cappelle delle Langhe e del Monregalese”

0
286
Foto Livio Manassero

Sabato 6 aprile 2019 alle ore 17 a Dogliani presso il Museo Civico storico-archeologico  G.Gabetti, sito al primo piano del Palazzo del Comune (Piazza San Paolo. 9), verranno presentati 32 acquerelli eseguiti dall’artista russa Nadia Lavrova residente a Murazzano. E’ il frutto di quattro anni di lavoro dedicati a riprendere con precisione ed emozionante maestria nella tecnica dell’acquerello i particolari degli affreschi tardo gotici raffiguranti le Madonne e i Santi nelle chiese e cappelle di una parte del territorio Cuneese. In tutto sono stati coinvolti 22 comuni. 15 sono le immagini riprese da affreschi che si trovano in 10 comuni delle Langhe, 13 sono quelle delle chiese di Mondovì e dei comuni monregalesi, 2 del Cebano, 2 di altri comuni cuneesi e una di Bardineto, comune del Savonese limitrofo della Granda.

L’artista, originaria di Uglich, città storica in riva al Volga, è una nota iconografa, specializzata nell’arte sacra del Quattrocento russo; questa volta invece è stata affascinata dalla bellezza e dalla varietà degli affreschi nostrani e, da donna attenta e sensibile, particolarmente da quelli dove viene raffigurata la Madonna col Bambino.

La mostra di Dogliani, dove la pittrice espone anche una decina di icone su tavole di legno e di altrettanti pastelli, è la prima di una serie di esposizioni che durante l’anno in corso si fermeranno nei comuni dove si trovano gli affreschi originali e in altre località interessate come Mondovi, Ceva e Murazzano, città che insieme a Dogliani hanno accordato il patrocinio al progetto. Insomma, una specie di mostra itinerante da pellegrini, come lo erano quei pittori di affreschi d’un tempo. Talvolta la mostra si limiterà ad una sosta di un giorno; in altri casi la fermata delle opere sarà più prolungata. In tutti i casi lo scopo consisterà a far valorizzare il patrimonio artistico locale sparso nelle innumerevoli cappelle campestri e nelle chiese, un arte sacra al servizio del popolo rurale fino ad un decennio fa poco conosciuta non solo all’estero, ma anche in altre regioni d’Italia.

Durante l’incontro del 6 aprile a Dogliani verrà presentato l’album: “Madonne e Santi nei dipinti di Nadia Lavrova ripresi da affreschi tardo gotici nelle chiese e cappelle delle Langhe e del Monregalese”, un progetto ideato e curato da Pierre Tchakhotine e dedicato a quei pittori di fine XV secolo e al prof. Geronimo Raineri che fu un grande e appassionato divulgatore di quest’arte. L’album è bilingue (in italiano e russo).

Inoltre è previsto l’intervento dello storico d’arte sacra, dott. Stefano Manavella, sul tema: L’immagine mariana nella pittura ligure-monregalese delle Langhe tra Medioevo e Rinascimento”, il quale recentemente ha pubblicato nella serie I Quaderni di Castelnuovo di Ceva, vol.5, un ottimo libro sull’argomento.

La mostra è visitabile dal 6 al 22 aprile con orario: Martedì 9 aprile: 9-12; Sabato 13 e 20 e Lunedì 22 aprile: 15.30-19; le Domeniche 7, 14 e 21 aprile: 10.30-12.30 / 15.30-19.

Info: 340 2863511 / 3497342271 / 017370107 comune Dogliani / [email protected]

cs