Elia Dogliani è il nuovo Presidente di Bene Banca: “Voglio portare avanti gli ideali dei padri fondatori”

La nomina è arrivata nel Consiglio dello scorso 7 marzo

0
522

Il Consiglio di Amministrazione di Bene Banca ha nominato come nuovo Presidente, nel corso della seduta dello scorso 7 marzo, Elia Dogliani: originario di Bene Vagienna, dove ha vissuto fino al 2004, 37 anni, marito di Savina e papà del piccolo Giacomo di 3 anni, è laureato dal 2004 in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Torino e, dal 2008 è iscritto all’Ordine degli Avvocati di Torino, svolgendo la propria attività professionale nel settore del diritto civile, commerciale, bancario ed amministrativo, con studio principale a Torino e, secondario, a Cuneo.

Sono estremamente legato anche a Narzole, che è il paese dove ha sempre vissuto la mia famiglia materna. – si presenta il neo-presidente – Ho assunto la carica di Vice Presidente di Bene Banca nel maggio 2014 (insieme al Vice Presidente Vicario, Elio Panero) e sono stato riconfermato Vice Presidente nel maggio 2017. La Presidenza di questo Istituto è un grande onore – prosegue Elia Dogliani – , perché Bene Banca è parte integrante della nostra storia e testimonia legami, profondi, con la nostra terra e le nostre radici, proprio perché la nostra è una Banca “del territorio”, nel senso più concreto del termine e nel rispetto della Carta dei Valori del credito cooperativo.  Darò, dunque, il massimo impegno per essere all’altezza di un incarico così importante, che intraprendo con forte entusiasmo e sincera passione”.

Il nuovo presidente ricorda il recentemente scomparso Elia Panero: “Dall’altro lato, questa nomina è, purtroppo, successiva alla perdita di un grande Presidente, Elio Panero, il cui esempio, di correttezza e di grande valore morale, ha reso non solo il Consiglio di Amministrazione, ma anche la Direzione e tutti i Dipendenti di Bene Banca, una Grande Famiglia, con una comunione di intenti totale. Ci tengo molto a ringraziare tutti i Consiglieri di Amministrazione, per la fiducia, per il grande spirito di coesione e per essere, prima di tutto, degli Amici, nonché il Collegio Sindacale, la Direzione Generale e davvero tutti i Dipendenti di BeneBanca, che mi hanno mostrato grande stima e vicinanza. Sono certo che, insieme, porteremo avanti gli ideali dei “Padri Fondatori”, ben rappresentati dal Presidente Panero, e continueremo a fare di Bene Banca un riferimento per le nostre famiglie, per le nostre imprese e per tutte le comunità che rappresentiamo. – conclude – Sono molto fiero dei risultati che Bene Banca ha conseguito in questi anni e sono fiducioso che il futuro porterà al nostro Istituto le soddisfazioni che merita perché, per noi tutti, Bene Banca è più di una Banca: è una parte della nostra vita; una parte di noi”.