Pomeriggio “nerissimo” per il Bra, la Fezzanese vince all’Attilio Bravi 1-3

Da una parte le scorie del recupero con i lombardi di mercoledì pomeriggio, dall’altra l’ennesima “non” possibilità per mister Fabrizio Daidola di schierare tutti gli effettivi, tra squalifiche e acciacchi fisici. Decima sconfitta stagionale per i cuneesi.

0
484

Il Bra si è inceppato. Dopo tre prestazioni convincenti (e 5 punti) con Inveruno, Casale e Folgore Caratese, i giallorossi hanno vissuto un pomeriggio “nerissimo” all’Attilio Bravi dove, la Fezzanese, ha vinto con merito per 1-3. Da una parte le scorie del recupero con i lombardi di mercoledì pomeriggio, dall’altra l’ennesima “non” possibilità per mister Fabrizio Daidola di schierare tutti gli effettivi, tra squalifiche e acciacchi fisici. Decima sconfitta stagionale per i cuneesi, vittoria in casa che manca da due mesi, play-off lontani 10 punti e play-out lontane 4 lunghezze.

Al quinto minuto Angelotti vince un rimpallo al limite, destro in corsa fuori misura ma non di molto. Greci fuori dai pali, Casolla ci prova col destro da 40 metri ma il pallone finisce sul fondo (8’). Fezzanese in vantaggio al minuto 14: dai 20 metri prodezza balistica di Cantatore che sorprende Bonofiglio all’angolino. Ancora gli spezzini pericolosi, scheggiato il palo con Baudi in area al diciottesimo. Spunto di Tettamanti, destro dai 18 metri e pallone a lato di poco. Ancora il numero 10 di casa nel primo e unico minuto di recupero concesso: punizione dal limite alta sopra la traversa.

Nessun cambio ad inizio ripresa, poi al 7° gli spezzini raddoppiano: girata a centro area di Grasselli e 0-2. Un minuto dopo Cantatore sfiora il tris, Bonofiglio e Bettati sbrogliano la matassa. Contatto Rossi-Diallo in area, calcio di rigore per i verdi, sul dischetto Baudi fa 0-3 al 16′.
La panchina giallorossa mescola le carte, ma la gara è ormai incanalata verso i binari della Liguria. 39′. tiro potente ma fuori misura di Barale. Il direttore di gara sorvola su un intervento falloso, in area, ai danni di Casolla. Nel quinto ed ultimo minuto di recupero, il subentrato Pietro Barale insacca di testa il gol della bandiera, da un’azione di calcio d’angolo.

Finisce così, pomeriggio nero per il Bra, la Fezzanese passa 1-3, ma i punti a disposizione da qui a fine stagione sono ancora molti. I giallorossi hanno ancora tempo, modo e forza per risalire la china.

Bra: Bonofiglio, Rossi, Bettati, Dolce (17′ st Barale), Giglio, Tettamanti (28′ st Brancato), Casolla, Morra (17′ st Gonella), Vergnano (17′ st De Santi), Quitadamo, Manuali (34′ st Petracca).
A disp: Grande, Carrer, Tuzza, Massucco.
Allenatore: Fabrizio Daidola.
Fezzanese: Greci, Gavini, Angelotti, Terminello, Cecchetti, De Martino, Grasselli (49′ st Scotti), Dell’Amico (36′ st Lapperrier), Diallo (40′ st Vatteroni), Baudi (38′ st Mitta), Cantatore (33′ st Bruzzi).
A disp: Gavellotti, Monacizzo, Marcellusi, Zappelli.
Allenatore: Gabriele Sabatini.
Arbitro: Gianquinto di Trapani (assistenti Lipari di Brescia e Bernasso di Milano).
Marcatori: 14′ pt Cantatore (F), 7′ st Grasselli (F), 16′ st rig. Baudi (F), 50′ st Barale (B).
Note: ammoniti Rossi, Giglio, Morra (B), De Martino, Terminello (F). Pomeriggio quasi primaverile, campo in buone condizioni, circa 200 spettatori.