Confcommercio Imprese a fianco dei punti ristoro di Mondovì e Marene costretti alla chiusura

Luca Chiapella, presidente Confcommercio Cuneo: «Si tratta di aziende che garantiscono occupazione, senza le quali vi sarebbero gravi conseguenze».

0
237

Nei giorni scorsi i media hanno riportato la notizia della chiusura forzata dei punti di ristoro Rio Colorè Ovest e Mondovì Ovest a causa del provvedimento di tre anni or sono che razionalizza il numero delle aree di servizio sulla rete autostradale italiana e stabilisce che, per le rimanenti, si svolgano gare pubbliche per l’affidamento della concessione.

“Queste aree di servizio – afferma Luca Chiapella, presidente di ConfcommercioImprese per l’Italia-della provincia di Cuneo – vantano anni di esperienza e godono della stima della clientela, la quale, quando percorre l’A6, le pone come tappe obbligate per gustare i prodotti tipici del territorio ed informarsi degli avvenimenti che si svolgono nello stesso”.

“Si tratta anche – aggiunge Chiapella – di aziende che garantiscono occupazione, senza le quali vi sarebbero gravi conseguenze per i dipendenti e collaboratori e le loro famiglie”.

“Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo e l’Associazione Albergatori Esercenti ed Operatori turistici della Granda – conclude Luca Chiapella – a tutela dei settori rappresentati hanno invitato il Gruppo Gavio, l’Autostrada dei Fiori SpA ed i Ministeri delle Infrastrutture e Trasporti e dello Sviluppo Economico a considerare la rivalutazione delle decisioni prese, trattandosi di punti di ristoro ad alto valore aggiunto”.

cs