Elezioni 2019 – A Scarnafigi Riccardo Ghigo è pronto a ricandidarsi: “Ci rimetteremo in gioco per proseguire il lavoro iniziato”

Ecco le parole di Riccardo Ghigo, primo cittadino uscente e ricandidato

0
308

A qualche mese dalle primaverili elezioni comunali abbiamo contattato telefonicamente Riccardo Ghigo, eletto sindaco di Scarnafigi nel 2014 con il 66% di voti, il quale si considera soddisfatto del lavoro svolto: «Abbiamo fatto più cose di quelle che prevedevo, avevamo intenzione di recuperare il centro storico, sembrava un utopia e invece siamo a buon punto, abbiamo già fatto due lotti e toccato il terzo quindi questo progetto si è indirizzato nel verso giusto, abbiamo inoltre fatto nuove piazze e nuove strade, il mandato quindi a mio parere è andato bene in quanto siamo riusciti a fare tutto ciò che abbiamo messo nel programma e anche qualcosa di più

L’attuale amministrazione è fortemente determinata a continuare il progetto di riqualifica del paese, facendo conoscere le risorse che esso può offrire ma spingendosi a fare sempre meglio: «La nostra gestione si è sempre basata sul fare cose nuove ma soprattutto cercare di mantenere quelle già esistenti per rendere il paese più gradevole. Stiamo lavorando con altri paesi per far conoscere questi comuni della pianura che non vengono apprezzati abbastanza da chi passa e non conosce le bellezze che possiamo proporre. È un percorso lungo, il primo passo è fare emergere questi paesi e in un secondo momento convincere la gente del luogo a credere in questo passo, a collaborare e a ragionare in modi diversi rispetto a come si è abituati. Credo però che ci sono delle belle prospettive che possono andare avanti».

Pensando alle prossime elezioni comunali, quali sono le sue intenzioni? «La nostra squadra si rimetterà in gioco, se i nostri abitanti sono rimasti contenti di noi, proseguiremo il lavoro che abbiamo iniziato perché in cinque anni, anche se abbiamo schiacciato l’acceleratore, riuscire a fare un cambiamento è difficile e di cose ancora da fare ne rimangono tante».