Elezioni Comunali 2019 – Ormea: il Sindaco storico, Giorgio Ferraris, si ricandida

Il Comune di Ormea punta sul turismo per valorizzare il territorio

0
523

Manca ancora qualche mese alle elezioni comunali del 2019, ma il Sindaco di Ormea, Giorgio Ferraris, è già pronto per riproporre la sua candidatura.

Già sindaco per vent’anni, Ferraris, aveva vinto le elezioni del 2014 contro Gianfranco Benzo. Abbiamo raggiunto telefonicamente il Primo Cittadino per tracciare un bilancio sulla situazione del Comune di Ormea.

Quali sono i punti di forza del Suo Comune e quali sono gli aspetti che ancora possono essere migliorati?

«In tutti e due i casi, sicuramente, il turismo. Ormea non ha grandi imprese industriali sul territorio, la sua forza si basa sul terzo settore, che, negli ultimi anni, anche a causa dell’alluvione del 2016, è stato indebolito. Il territorio ormeasco è ricco di aree boschive, rifugi e sentieri particolarmente adatti alle escursioni a cavallo o in bicicletta». 

Quali sono i progetti che l’amministrazione ha in mente per la valorizzazione del patrimonio naturalistico?

«Considerando che Ormea non ha impianti di risalita, l’attrattiva del paese, come già detto, è rappresentata dall’ambiente naturale, che può essere sfruttato dai turisti dalla primavera all’autunno. Grazie ai finanziamenti della Regione e della Fondazione CRC abbiamo avviato un progetto di promozione del territorio attraverso il cicloturismo, per cercare di legare la nostra zona a quella delle Langhe e far conoscere anche la Val Tanaro».

Ci sono stati dei progetti di riqualificazione in questi cinque anni?

«Abbiamo adeguato alle norme antisismiche l’edificio che ospita le scuole dell’obbligo, inoltre sono stati ristrutturati l’area giochi e alcuni campi sportivi come quello da tennis».

Il Sindaco ha spiegato con soddisfazione che il paese ha registrato un’inversione di tendenza per quanto riguarda le attività commerciali: «A causa della crisi, molte strutture ricettive avevano chiuso, ora, invece, stanno riaprendo. Al momento ci sono circa 70 attività commerciali ad Ormea, di cui 19 ristoranti e 13 bar».

Il sogno del Primo Cittadino è però quello di portare di nuovo il treno in paese: «La linea ferroviaria è stata riattivata per il turismo, ma l’ideale sarebbe attivarla per agevolare il pendolarismo studentesco, soprattutto ora che è stato rimesso in sesto anche il tratto di Pievetta, dove l’alluvione aveva divelto i binari per circa 400 metri».