Domenica la Bosca Cuneo fa visita a Busto Arsizio: “Vogliamo continuare a stupire”

Le parole del capitano biancorosso Aurea Cruz: "Siamo cambiate molto rispetto all'andata"

0
66

Il girone di ritorno della BOSCA S.BERNARDO CUNEO, aperto ufficialmente dalla vittoria nel derby infrasettimanale con la Reale Mutua Fenera Chieri, prende immediatamente quota.

Ritmo incalzante per la Samsung Volley Cup Serie A1 che già nel fine settimana tornerà protagonista con la terza giornata: domenica 13 gennaio, alle ore 17.00, il PalaYamamay di Busto Arsizio accenderà i riflettori per la gara Unet E-Work UYBA vs BOSCA S.BERNARDO CUNEO.

Per la terza volta in stagione le ragazze dei coach Mencarelli e Pistola incroceranno i loro cammini: dall’amaro 0-3 con con cui le ‘farfalle’ hanno espugnato il Pala UBI Banca nella storica gara d’esordio casalingo al 3-2 che ha determinato l’assegnazione del Trofeo Mimmo Fusco.

Non mancheranno dunque le motivazioni alle ‘gatte’ cuneesi che si presenteranno in terra lombarda con il roster al completo dopo il rientro di Markovic dagli impegni con la nazionale austriaca. A pieno regime anche le padrone di casa che già nella serata di ieri, chiusa con una vittoria al tie-break con le ‘cugine’ del Saugella Team Monza, hanno schierato le nazionali Grobelna e Herbots ed hanno mostrato una Mejners pienamente recuperata.

«Dalla gara di andata – dichiara Aurea Cruz, capitano della BOSCA S.BERNARDO CUNEO – sono trascorsi oltre due mesi e nella nostra squadra sono cambiate molte cose. Siamo cresciute bene soprattutto a livello collettivo anche perché è cresciuta la resa dei singoli, abbiamo imparato a conoscerci e sfruttare i nostri punti di forza. A Busto Arsizio ci attende una formazione anagraficamente più giovane e ‘fresca’ dal punto di vista atletico: al Trofeo “Fusco” ci siamo ‘studiate’ per la seconda volta ed ora siamo pronte a dimostrare il nostro valore. Abbiamo finito giocando ‘forte’ il girone di andata ed ora vogliamo continuare su questa strada per entusiasmare la Città di Cuneo che ci ha dimostrato, partita dopo partita, una calorosa passione».