Festa dell’Apparizione al Santuario della Madonna dei fiori di Bra (VIDEO e FOTO)

Questa mattina, inaugurazione del mosaico pronao e il portale in bronzo, due autentiche opere d'arte. A rappresentare il Comune di Bra, gli assessori Gianni Fogliato, Luciano Messa e il presidente del Consiglio comunale Biagio Conterno

0
1794
Mons. Marco Prastaro apre il portale in bronzo del Santuario della Madonna dei fiori, a Bra (foto Danilo Lusso - Ideawebtv.it)

Benedetto ed aperto, a due mani e in spinta, dal vescovo di Asti Mons. Marco Prastaro.

Questa mattina, il Santuario braidese della Madonna dei fiori, ha inaugurato il mosaico pronao e il portale in bronzo, due autentiche opere d’arte.

Il “taglio del nastro”, in occasione della Festa dell’Apparizione (29 dicembre 1336, quando la Vergine apparve a Egidia Mathis, nel luogo dove ancora oggi fiorisce il pruneto, nei mesi più freddi) che ha chiuso il triduo di preparazione alla solenne e importante commemorazione per la città di Bra.

Prima dell’Eucarestia delle 10,30 il Mons. Prastaro, ha inaugurato il nuovo portale, posto sotto la facciata del Santuario grande. Prima dell’ingresso ufficiale in chiesa l’intervento, anche, del rettore Mons. GianCarlo Avataneo.
A rappresentare il Comune di Bra, gli assessori Gianni Fogliato (con la fascia tricolore), Luciano Messa e il presidente del Consiglio comunale Biagio Conterno.

Santa Messa officiata dai Mons. Prastaro e Avataneo. Nella predica, il vescovo astigiano ha ricordato il grande lavoro e il grande impegno, per mosaico e portale, dell’ex rettore don Sergio Boarino.

Presenti, tra i banchi del Santuario, i fedeli (in pellegrinaggio) dalle frazioni braidesi di Ca’ del Bosco, Falchetto, Boschetto, Grione e Madonna del Pilone (Cavallermaggiore).

Questa sera (alle 21) il concerto a cura delle Sorelle della Trasfigurazione di Vercelli e presentazione tematica del nuovo portale, alla presenza di padre Marko Rupnik, sacerdote sloveno gesuita, teologo e artista sacro modernista.